Pulecinella
Flag Counter

Altre canzoni di
Ernesto De Curtis

'A surrentina
Amalia
'O balcone 'e Napule
Senza nisciuno

I testi delle canzoni napoletane

ENG
ITA
RUS

Voce 'e notte


Museca: Ernesto De Curtis,

Vierse: Eduardo Nicolardi.

Anno: 1904

Voce di notte


Musica: Ernesto De Curtis,

Versi: Eduardo Nicolardi.

Anno: 1904

È la canzone autobiografica di Eduardo Nicolardi che riflette un dramma personale e dice del suo amore per Anna Rossi, la figlia del ricco commerciante di cavalli da corsa. Per volere del suo padre Anna andò in sposa a Pompeo Corbera, un cliente facoltoso di 75 anni. Due anni dopo lo sposo di Anna morì e gli innamorati poterono finalmente sposarsi, avendo poi otto figli.

La canzone fu composta nel 1903 e pubblicata nel 1904.

Si 'sta voce te sceta 'int' 'a nuttata,
Mentre t'astrigne 'o sposo tujo vicino,
Statte scetata, si vuò stà scetata,
Ma fa' vedè ca duorme a suonno chino!

Nun ghì vicino ê llastre pe' ffà 'a spia,
Pecché nun può sbaglià: 'sta voce è 'a mia!
È 'a stessa voce 'e quanno tutt' 'e dduje,
Scurnuse, nce parlavamo c' 'o "vvuje".

Si 'sta voce te canta dint' 'o core,
Chello ca nun te cerco e nun te dico:
Tutt' 'o turmiento 'e 'nu luntano ammore,
Tutto ll'ammore 'e 'nu turmiento antico.

Si te vene 'na smania 'e vulè bbene,
'Na smania 'e vase correre p' 'e vvene,
'Nu fuoco ca t'abbrucia comm'a che,
Vasate a chillo… Che te 'mporta 'e me?

Si 'sta voce, che chiagne 'int' 'a nuttata,
Te sceta 'o sposo, nun avè paura!
Dille ch'è senza nomme 'a serenata,
Dille ca dorme e che se rassicura!

Dille accussì: "Chi canta 'int'a 'sta via
O sarrà pazzo o more 'e gelusia.
Starrà chiagnenno quacche 'nfamità.
Canta isso sulo. Ma che canta a ffà?"

Se la mia voce ti sveglia nella notte
Mentre ti stringi vicino il tuo sposo,
Resta sveglia, se vuoi stare svegliata,
Ma fingi di dormire a pieno sonno!

Non andare vicino ai vetri a spiare,
Perché non puoi sbagliare: questa voce è mia!
È la stessa voce di quando insieme,
Timidi, ci davamo del "voi".

Se la mia voce ti canta nel cuore,
Quello che io non ti chiedo e non ti dico:
Tutto il tormento di un amore lontano,
Tutto l'amore di un tormento antico.

Se ti senti una voglia di volere bene,
Una voglia di baci corre per le vene,
Un fuoco che ti brucia come mai,
Bacia quello… Che cosa ti importa di me?

Se questa voce che piange nella notte,
Sveglia il tuo sposo, non aver paura!
Digli che è la serenata senza nome,
Digli che dorma e che si rassicuri!

Digli così: "Chi canta in questa strada,
O sarà pazzo o muore di gelosia.
Starà piangendo per qualche infamia.
Canta da solo. Ma perché canta?"