Pulecinella
Flag Counter

Gli strumenti
napoletani

Il putipù

Celebri canzoni italiane di autori napoletani

ENG
ITA
RUS

E.A. Mario

Vipera


Musica: E.A. Mario (Giovanni Ermete Gaeta),

Versi: E.A. Mario (Giovanni Ermete Gaeta).

Anno: 1919

Ella portava un braccialetto strano:
Una vipera d'oro attorcigliata
Che viscida parea sotto la mano,
Viscida e viva quando l'ho toccata.
Quando ella abbandonavasi
Fremente sul mio seno,
Parea schizzasse tutto il suo veleno.

Vipera,
Vipera
Sul braccio di colei
Che oggi distrugge tutti i sogni miei,
Sembravi un simbolo,
L'atroce simbolo
Della sua malvagità…

Mamma che, quando sogna, sogna il vero,
Ha sognato di me la notte scorsa:
M'ha visto per un ripido sentiero,
Presso una malavipera, ed è accorsa…
E s'è svegliata pallida,
Tremando dal terrore:
La vipera m'avea già morso il cuore!

Vipera,
Vipera
Sul braccio di colei
Che oggi distrugge tutti i sogni miei,
Sembravi un simbolo,
L'atroce simbolo
Della sua malvagità…

Per non amarla più vo' andar lontano,
Ma lontano non posso rimanere…
E vo' il suo bacio che mi rende insano,
La sua perfidia che mi fa piacere.
E, quando mi divincolo
Ribelle a questo amore,
Qualcosa mi si annoda intorno al cuore…

Vipera,
Vipera,
Sei tu, sei tu colei
Che oggi ha distrutto tutti i sogni miei!
Era il tuo simbolo,
L'atroce simbolo
Della tua malvagità!