Bandiera

Le canzoni siciliane

Sicilia
Palermo
Flag Counter

'U zzu Minicu 'mParadisu

(Lo zio Domenico in Paradiso)




Canzone popolare siciliana.



Canta
Gian Campione
(1946 - 2005)


Chiddu ca succidiu ora vi cuntu:
Quannu muriu 'u zzu Minicu panzutu
Tutti li so' parenti stritti stritti
Si riuneru e ci tinniru 'u luttu.
Quannu arrivau ddà ni lu Paradisu
Davanti a lu cuspettu di San Petru
Chi si sintiva misiru e pirdutu
E 'n'angileddu ci vinni in aiutu,
L'accumpagnau supra 'na nuvulidda
Ca a taliarla era la cchiù bedda.
Era 'na nuvulidda cu du stanzi,
Una finestra e lu jardinu avanti.

Miatu lu zzu Minicu è scialatu,
Si sistimau e si misi affacciatu.
P'idda finestra si vidiva tuttu,
Puru li so' parenti 'nmezzu a l'uttu.
Tra tutti li parenti ca vidiva
Ci nn'era però una ca mancava:
Era la sò mità ca do duluri
Circava lu cunfortu no cumpari.
Mischinu lu zzu Minicu panzutu,
'Un sulu mortu, ma puru curnutu.
Allura è veru comu rici 'u dittu:
" 'Mara cu mori, cu vivu c'è rizzettu".

Quello che successe adesso vi racconto:
Quando morì lo zio Domenico panciuto
Tutti i suoi parenti più vicini
Si sono riuniti e hanno tenuto il lutto.
Quando arrivò lì nel Paradiso
Davanti al cospetto di San Pietro
Che si sentiva povero e perduto
E un angioletto ci venne in aiuto,
L'accompagnò sopra una nuvoletta
Che a guardarla era la più bella.
Era una nuvoletta con due stanze,
Una finestra e il giardino davanti.

Beato lo zio Domenico è contento,
Si sistemò e si affacciò.
Per quella finestra si vedeva tutto,
Pure i suoi parenti in mezzo all'orto.
Tra tutti i parenti che vedeva
Ce n'era però una che mancava.
Era la sua moglie che dal dolore
Cercava il conforto col compare.
Povero lo zio Domenico panciuto,
Non solo morto, ma pure cornuto.
Allora è vero come dice il proverbio:
"Poveretto chi muore, con il vivo c'è pace".