Bandiera

Le canzoni siciliane

Sicilia
Messina
Flag Counter

'U picciuni d'a cummari

(Il piccione della comare)




Canzone popolare siciliana.



Canta
Gian Campione
(1946 - 2005)


Cummari mia, vui m'ata a diri
Comu vi l'addivati 'stu picciuni.
Avi lu pilu longu, lisciu e finu
Comu li pinni di lu mè cuscinu.

Si vi l'afferu vi lu spinnu tuttu,
Mi fazzu 'n matarazzu e mi ci curcu.

Mangimi ci nni dati picca e nenti,
Avi la vozza sò sempri vacanti.
Si mi lu dati lu fazzu mangiari
E tummi tummi ci fazzu abballari.

Picciuna nn'haju avutu a cincu a sei
E suddisfatti l'haju fattu ristari.

Cummari mia, fatimi 'stu beni:
Nun fatimi suffriri tanti peni!
Si mi lu dati ora ch'è frivaru
Lu mettu 'n mezzu a l'autri 'n picciunaru.

E ci scummettu ca s'iddu è di razza,
A l'antri, o li strapazza o mi l'ammazza.

Cummari, datimi chistu picciuni,
Picchì lu viju ssempri mottu 'i fami.
La vozza ci vulissi iu 'llinghiri,
Nun lu faciti suffriri a 'stu cumpari!

E vi prumettu ca ci dugnu a mangiari
E tummi tummi ci fazzu abballari.

Comare mia, voi mi dovete dire
Come lo allevate questo piccione.
Ha il pelo lungo, liscio e fine
Come le penne del mio cuscino.

Se ve lo batto ve lo spenno tutto,
Mi faccio un materasso e mi ci corico.

Mangime ce ne date poco e niente,
Ha il becco suo sempre vuoto.
Se me lo date lo faccio mangare
E il tummi tummi* lo faccio ballare.

Piccioni ne ho avuto a cinque a sei
E soddisfatti li ho fatto restare.

Comare mia, fatemi questo piacere:
Non fatemi soffrire tante pene!
Se me lo date ora che è febbraio,
Lo metto insieme agli altri nella piccionaia.

E ci scommetto che se esso è di razza,
Agli altri, o li strapazza o me li ammazza.

Comare, datemi questo piccione,
Perché lo vedo sempre morto di fame.
Il becco io lo vorrei riempire,
Non lo fate soffrire a questo compare!

E ve lo prometto che gli do mangiare
E il tummi tummi lo faccio ballare.


* ovviamente, si tratta di una sorta di danza amorosa.