Pulecinella
Flag Counter

I napoletani
famosi

Fausto Cigliano

(15.02.1937)

Un cantante e chitarrista italiano.

I testi delle canzoni napoletane

ENG
ITA
RUS

Tuppe-tuppe, mariscià!


Museca: Domenico Aracri, Marcello Gigante,

Vierse: Ettore De Mura.

Anno: 1958

Toc-toc, maresciallo!


Musica: Domenico Aracri, Marcello Gigante,

Versi: Ettore De Mura.

Anno: 1958

Nisciuno cchiù fatica a 'stu paese,
Songo arze 'e tterre, 'e ppiante sò seccate.
'A ggente nun ragiona, è già 'nu mese.
'Sta cosa nun pò ghì,
No, nun pò ghì, no,
E si nisciuno parla, mò parl'i'.

Tuppe-tuppe, mariscià!
Arapite, sò 'n'amico!
Mò ve conto, mò ve dico
Pecché sò venuto ccà.
Tuppe-tuppe, mariscià,
Arapite, mariscià!

'A sapite a Carmelina
Ca sta 'e casa 'ncopp' 'a scesa?
È 'na mala chiappa 'e 'mpesa,
Vuje ll'avit' 'a fà arrestà.
Mò ve dico, mariscià,
Mò ve conto, mariscià!

Nisciun'ommo 'e 'stu paese
Da Carmela s'è salvato.
Ogneduno è affatturato
Cu 'nu vaso ch'essa da.
Jammo, ja', mariscià!

Pe' capriccio e no p'ammore,
Cu 'nu vaso 'e fuoco ardente,
Avvelena a tanta gente:
Nun 'e fa cchiù raggiunà.
E 'na legge nun ce sta?
Pruvvedite, mariscià!

'Ntuono 'e Cuncetta, Mineco, Pascale,
Vicienzo, Ciro, sò arredutte mieze.
'O farmacista e 'a giunta comunale,
Nun sanno cchiù parlà,
No, cchiù parlà, no,
Che guajo pe' 'stu paese, mariscià!

Tuppe-tuppe, mariscià!
Arapite, sò 'n'amico!
Mò ve conto, mò ve dico
Pecché sò venuto ccà.
Tuppe-tuppe, mariscià,
Arapite, mariscià!

Mariscià, vuje nun parlate?
Ma pecché nun rispunnite?
Mariscià, che ve sentite?
Nun 'ngarrate cchiù a parlà?
Pure vuje v'it' 'a curà.
Bonanotte, mariscià!

Nessuno lavora più in questo paese,
Le terre sono arse, le piante sono seccate.
La gente non ragiona, è già un mese.
Questa cosa non può andare,
No, non può andare, no,
E se nessuno parla, ora parlo io.

Toc-toc, maresciallo!
Aprite, sono un amico!
Ora vi racconto, ora vi dico
Perché sono venuto qua.
Toc-toc, maresciallo,
Aprite, maresciallo!

Conoscete Carmelina
Che vive a casa sulla discesa?
È una ragazza scellerata,
Voi dovete arrestarla.
Ora vi dico, maresciallo,
Ora vi racconto, maresciallo!

Nessun uomo di questo paese
Da Carmela si è salvato.
Ognuno è stregato
Con un bacio che lei da.
Andiamo, dai, maresciallo!

Per capriccio e non per amore,
Con un bacio appassionato,
Avvelena tanta gente:
Non li fa più ragionare.
E una legge non c'è?
Provvedete, maresciallo!

Antonio di Concetta, Domenico, Pasquale,
Vincenzo, Ciro sono mezzi ridotti.
Il farmacista e la giunta comunale
Non sanno più parlare,
No, più parlare, no,
Che guaio per questo paese, maresciallo!

Toc-toc, maresciallo!
Aprite, sono un amico!
Ora vi racconto, ora vi dico
Perché sono venuto qua.
Toc-toc, maresciallo,
Aprite, maresciallo!

Maresciallo, voi non parlate?
Ma perché non rispondete?
Maresciallo, come vi sentite?
Non riuscite più a parlare?
Anche voi vi dovete curare.
Buonanotte, maresciallo!