Pulecinella
Flag Counter

I napoletani
famosi

Aldo Giuffrè

(10.04.1924 - 26.06.2010)

Un attore italiano, noto anche per il suo sodalizio artistico con il fratello Carlo.

Gli strumenti
napoletani

La ciaramella

I testi delle canzoni napoletane

ENG
ITA
RUS

Te voglio bbene assaje


Museca: attribuita a Gaetano Donizetti,

Vierse: Raffaele Sacco.

Anno: 1835

Ti voglio tanto bene


Musica: attribuita a Gaetano Donizetti,

Versi: Raffaele Sacco.

Anno: 1835

'Nzomma songh'io lo fauzo?
Appila, sì majesta,
Ca ll'arta toja è chesta!
Lo dico 'mmeretà:
Io jastemmà vorria
Lo juorno che t'amaje!

Io te voglio bbene assaje
E tu nun pienze a me.

Pecché quanno me vide
Te 'ngrife comm'a gatto?
Nennè, che t'aggio fatto
Ca no mme può vedè?
Io t'aggio amato tanto,
Si t'amo tu lo saje.

Io te voglio bbene assaje
E tu nun pienze a me.

La notte tutte dormeno,
Ma io che bbuò durmì!
Penzanno â nenna mia,
Mme sento ascevolì.
Li quarte d'ora sonano
A uno, a ddoje, a tre.

Io te voglio bbene assaje
E tu nun pienze a me.

Recordate lo juorno
Ca stive a me becino
E te scorreano 'nzino
Le llacreme accossì!
Deciste a me: "Nun chiagnere,
Ca tu lo mio sarraje!"

Io te voglio bbene assaje
E tu nun pienze a me.

Guardame 'nfaccia e vide
Comme song'arredutto:
Sicco, peliento e brutto,
Nennella mia, pe' tte!
Cusuto a filo duppio
Co tte me vedarraje.

Io te voglio bbene assaje
E tu nun pienze a me.

Saccio ca nun vuò scennere
La grada quanno è scuro.
Vattenne muro muro,
Appojate 'ncuoll'a me!
Tu, 'n'ommo comm'a chisto,
Addò lo trovarraje?

Io te voglio bbene assaje
E tu nun pienze a me.

Quanno sò fatto cennere,
Tanno me chiagnarraje.
Sempe addimannarraje:
"Nennillo mio addò è?"
La fossa mia tu arape
E llà me trovarraje.

Io te voglio bbene assaje
E tu nun pienze a me.

Insomma sono io il falso?
Rimedia, sei maestra
Perché l'arte tua è questa!
Lo dico in verità:
Io vorrei maledire
Il giorno che ti amai!

Io ti voglio tanto bene
E tu non pensi a me.

Perché quando mi vedi
Ti infuri come un gatto?
Cara, che ti ho fatto
Che non mi puoi vedere?
Io ti ho amato tanto,
Se ti amo tu lo sai.

Io ti voglio tanto bene
E tu non pensi a me.

La notte tutti dormono,
Ma io non riesco a dormire!
Pensando alla mia amata,
Mi sento svenire.
I quarti d'ora suonano
A uno, a due, a tre.

Io ti voglio tanto bene
E tu non pensi a me.

Ricordati quel giorno
Che stavi a me vicino
E ti scorrevano in seno
Le lacrime così!
Mi dicesti: "Non piangere,
Perché tu il mio sarai!"

Io ti voglio tanto bene
E tu non pensi a me.

Guardami in faccia e vedi
Come mi sono ridotto:
Magro, pallido e brutto,
Bambina mia, per te!
Cucito con filo doppio
A te mi vedrai.

Io ti voglio tanto bene
E tu non pensi a me.

So che non vuoi scendere
La grata quando è scuro.
Attieniti alle mura,
Appoggiati a me!
Tu, un uomo come questo,
Dove lo troverai?

Io ti voglio tanto bene
E tu non pensi a me.

Quando sarò diventato cenere,
Allora mi piangerai.
Sempre domanderai:
"Amato mio dov'è?"
La mia fossa tu aprirai
E là mi troverai.

Io ti voglio tanto bene
E tu non pensi a me.