Pulecinella
Flag Counter

I testi delle canzoni napoletane

ENG
ITA
RUS

Te sì scurdata 'e Napule


Museca: Evemero Nardella,

Vierse: Ernesto Murolo.

Anno: 1912

Hai dimenticato Napoli


Musica: Evemero Nardella,

Versi: Ernesto Murolo.

Anno: 1912

'Na sera, oje bionda, te purtaje 'stu mare
P' 'a primma vota a Napule d'està.
Stive cu mmico a prora e ll'uocchie chiare
P' 'o golfo se 'ncantavano
Pe' ddò, allummata, accumpareva Napule
E quacche voce se senteva già.

E Ammore, Ammore!
Bionda, capiste e te capette i' pure
Quanno, cu 'e mmane 'mmano,
Tu c' 'o ffrancese, i' c' 'o nnapulitano,
T'annammuraste 'e Napule,
T'annammuraste 'e me.

Rrose d' 'o Munasterio 'e San Martino,
Loggia ca 'ncielo fravecata sta,
Nuje ce affacciajemo mentre a mmatutino
'E cchiese già sunavano
E nnuvole 'e calore se sperdevano,
E se scetava Napule d'està.

E Ammore, Ammore!
Tremmaje 'stu core tujo 'ncopp'a 'stu core.
E quanno, 'a ll'onne chiare,
Vediste 'o sole ca spuntava a mmare,
Tu te vasaste Napule,
Tu te vasaste a mme.

E comme, comme? Doppo tant'ammore
Tu t'hê pututo 'e Napule scurdà!
Tu, si ê vvote parteva 'nu vapore,
Te ne facive lacreme
'Ncopp'a 'stu core e, quanno te screvevano,
Te n'aggio visto lettere 'e straccià.

E Ammore, Ammore!
'Na sera, 'e bello, i' te dicette: "È overo
Ca te ne vaje dimane?"
Tu mme 'nfunniste 'e lacreme 'sti mmane
E abbandunaste Napule,
M'abbandunaste a mme.

Una sera, oh bionda, ti portò questo mare
Per la prima volta a Napoli d'estate.
Stavi con me a prua e gli occhi chiari
Per il golfo si incantavano
Dove, illuminata, compariva Napoli
E qualche voce già si sentiva.

E Amore, Amore!
Bionda, mi capisti e ti capii anch'io
Quando, mano nella mano,
Tu parlavi francese, io napoletano,
Ti innamorasti di Napoli,
Ti innamorasti di me.

Rose del Monastero di San Martino,
Loggia che nel cielo è costruita,
Noi ci affacciammo mentre, al mattino,
Le chiese già suonavano
E nuvole di calore si disperdevano
E si svegliava Napoli d'estate.

E Amore, Amore!
Tremò questo cuore tuo su questo cuore.
E quando, dalle onde chiare,
Vedesti il sole che spuntava in mare,
Tu baciasti Napoli,
Tu baciasti me.

E come, come? Dopo tanto amore
Tu hai potuto dimenticare Napoli!
Tu, alla partenza di una nave,
Quante lacrime versavi
Su questo cuore e, quando ti scrivevano,
Te ne ho visto lettere stracciare.

E Amore, Amore!
Una sera, all'improvviso, io ti dissi: "È vero
Che te ne vai domani?"
Tu mi bagnasti di lacrime queste mani
E abbandonasti Napoli,
Abbandonasti me.