Bandiera

Le canzoni siciliane

Sicilia
Ragusa
Flag Counter

Talia chi muscia!

(Guarda che moscia!)




Canzone popolare siciliana.



Canta
Gian Campione
(1946 - 2005)


Mi maritavu ccu tantu amuri
Ddà ni la chiesa di lu Salvaturi.
Po' fici festa ni lu saluni,
Spartennu vinu, ciciri e favi.

Ma dopu ca mi la purtavu
Ni la casuzza ca m'arrizzittavu,
Scoprivu pro' ca era muscia.
Mi maritavu 'na pezza di tuscia.

Matri, o matri,
Matri, chi muscia!
Si s'arrimina, si stucchia tutta.
Poviru iu! Poviru iu!
Ci capitava e lu sa sulu Diu.

A la matina quannu si susi
Mi rici: "Senti, sugnu 'nfilici!"
Picchì vulissi stari curcata
No finu e novi ma tutt'a jurnata.

Iu ci lu dicu: "Mugghieri mia,
Chist'è 'a vita e così sia!"
Idda mi rici: "Chi nicchi e nacchi!
Mi sentu stanca e mi susu a li setti!"

Matri, o matri,
Matri, chi muscia!
Si s'arrimina si stucchia tutta.
Poviru iu! Poviru iu!
Ci capitava e lu sa sulu Diu.

Mi sposai con tanto amore
Lì nella chiesa del Salvatore.
Poi feci festa nel salone,
Dividendo vino, ceci e fave.

Ma dopo che me l'ho portata
Nella casetta che mi riposavo,
Ho scoperto poi che era moscia.
Mi sono sposato una pezza di pigra.

Madre, oh madre,
Madre, che moscia!
Se si agita, si piega tutta.
Povero io! Povero io!
È capitato e lo sa solo Dio.

Alla mattina quando si sveglia
Mi dice: "Senti, sono infelice!"
Perché vorrebbe stare coricata
No fino alle nove ma tutta la giornata.

Io glielo dico: "Moglie mia,
Questa è la vita e così sia!"
Lei mi dice: "Che vai dicendo!
Mi sento stanca e mi alzo alle sette!"

Madre, oh madre,
Madre, che moscia!
Se si agita, si piega tutta.
Povero io! Povero io!
È capitato e lo sa solo Dio.