Pulecenella
Flag Counter

Testi delle canzoni napoletane

RussiaRUS
ItaliaITA
InghilterraENG

Suonno a Marechiare


Museca: Antonio Vian,

Vierze: Renato Fiore.

Anno: 1958

Sogno a Marechiaro


Musica: Antonio Vian,

Versi: Renato Fiore.

Anno: 1958

Marechiaro è un borgo marinaresco di Napoli.


E veco 'o stesso mare, tale e quale,
'A stessa luna 'e perla 'mmiez' ô cielo,
Ll'eterna fenestella sola sola
E tanta lluce dint' â notte blu.

Ammore, ammore,
Portame stasera
'Ncopp'a ll'onne chiare 'e Marechiare.
Dint' ê vase damme 'a vita,
Tutt' 'a vita m'hê 'a fà sunnà.

A Marechiare,
Suonno 'e 'stu core,
A Marechiare, stasera,
Io torno ancora a suspirà.

E dimme ancora appassiunatamente:
"Te voglio bbene tanto, tanto, tanto!"
Dint'a 'stu core mio tengo li pponte
E sulamente tu m' 'e ppuò levà.

Ammore, ammore,
Portame stasera
'Ncopp'a ll'onne chiare 'e Marechiare.
Dint' ê vase damme 'a vita,
Tutt' 'a vita m'hê 'a fà sunnà.

A Marechiare famme sunnà!



E vedo lo stesso mare, tale e quale,
La stessa luna come perla in mezzo al cielo,
La solita finestrella*
E tante luci nella notte blu.

Amore, amore,
Portami stasera
Sulle onde chiare di Marechiaro.
Con i baci dammi la vita,
Tutta la vita mi devi far sognare.

A Marechiaro,
Sogno di questo cuore,
A Marechiaro, stasera,
Io ritorno ancora a sospirare.

E dimmi ancora appassionatamente:
"Ti voglio bene tanto, tanto, tanto!"
In questo cuore mio ho le spine
E solo tu me le puoi togliere.

Amore, amore,
Portami stasera
Sulle onde chiare di Marechiaro.
Con i baci dammi la vita,
Tutta la vita mi devi far sognare.

A Marechiaro fammi sognare!

tradotto da Natalia Cernega

* la stessa finestrella di Marechiaro, cantata da Salvatore Di Giacomo nella canzone "Marechiare" del 1885.