Bandiera

Le canzoni siciliane

Sicilia
Enna
Flag Counter

Stanotti, amuri mè

(Stanotte, amore mio)




Canzone popolare siciliana.



Canta
Gian Campione
(1946 - 2005)


Stanotti, amuri mè, la tò finestra
È a 'u scuru e tu 'un ci sì mancu affacciata.
Ma unni ti trovi tu, picciotta bedda,
Junci lu cantu da mè sirinata!

A ttia 'u Signuri ti detti
Du occhi granni di mari
E 'na vuccuzza ca pari cirasa
E nun dici paroli d'amuri.
E quannu ogni sira tu veni
Mentri iu dormu 'nto sonnu,
Mi pari ca tuttu 'u munnu
S'avissi a firmari pi sempiri ccà.

E ora ca lu sa' ca chistu cori
Si tu 'un ci arridi nun pò arripusari,
Dunaci, bedda mè, tecchia d'amuri
Si un jornu lu vò vidiri campari.

A ttia 'u Signuri ti detti
Du occhi granni di mari
E 'na vuccuzza ca pari cirasa
E nun dici paroli d'amuri.
E quannu ogni sira tu veni
Mentri iu dormu 'nto sonnu,
Mi pari ca tuttu 'u munnu
S'avissi a firmari pi sempiri ccà.

Stanotte, amore mio, la tua finestra
È al buio e tu non ci sei neanche affacciata.
Ma dove ti trovi tu, ragazza bella,
Unisci il canto della mia serenata!

A te il Signore ha dato
Due occhi grandi del mare
E una boccuccia che sembra ciliegia
E non dici parole d'amore.
E quando ogni sera tu vieni
Mentre io dormo nel sonno
Mi sembra che tutto il mondo
Si debba fermare per sempre qua.

E ora che lo sai che questo cuore
Se tu non ci ridi non può riposare,
Donaci, bella mia, un poco d'amore
Se un giorno lo vuoi vedere vivere.

A te il Signore ha dato
Due occhi grandi del mare
E una boccuccia che sembra ciliegia
E non dici parole d'amore.
E quando ogni sera tu vieni
Mentre io dormo nel sonno
Mi sembra che tutto il mondo
Si debba fermare per sempre qua.