Neapolitan Songs - Straccione?!

Straccione?!

(1943)

music: Vincenzo D'Annibale,
lyrics: Raffaele Chiurazzi.
Instrumental version


Scuse, ripeti: sono uno straccione
Forse pecché 'o vestito è arrepezzato?
E ssì, hai cento canne di ragione,
L'ommo accussì s'apprezza, 'un c'è che fa.
A chi sò figlio? E a te che te ne 'mporta.
'Na femmena m'ha miso 'ncopp' ô munno,
E me vò bbene, spera e me cunforta,
E dice: Figlio, nun te scunfidà!

E i' campo,
Campo e sonno pe' 'st'ammore
Ca è santo e ca nun vò
Ciance e pparole,
Ma ca m'è caro quant' 'a vita è cara.
Fatico, quanno trovo 'a faticà,
Quanno no, m' 'e spasseo per la città.

Suldato 'e fanteria, ma positivo.
Ho combattuto, ho fatto il mio dovere.
No, no, mò sbaglie 'obbì, mai fuggitivo,
Non ho commesso 'sta barbarità!
E quanno s'accustaieno 'e tedische
Pe' me levà 'o fucile, io nne stennette
A duje 'nterra e ppò 'e ppigliaje a sische.
Ah, no! Nun me facette disarmà.

Mò campo,
Campo e canto allegramente
E niente nun ce pò,
Ciance e parole.
Tengo ll'ammore 'e mamma e ssò cuntento.
Ricchezze? No, nun aggio che ne fa,
Voglio 'o sole, 'o calore e l'onestà!

C'avimmo fatto nuje, napulitane?
Ce simmo armate cu mitragliatrici,
Fucili, rivoltelle, mbomme a mane,
E, in sanguinosa lotta, 'a ccà, 'a llà,
Arreto 'e barricate, a pietto a pietto,
N'immo cacciate i barbari tedeschi!
E tu, tu senza pace né arricietto,
Te 'nzerraste 'int' â casa per viltà!

Straccione?
Ma orgoglioso 'e chisti stracce.
Ccà sotto, mio signò,
Ce sta 'nu core,
Accussì ardente ca te zompa 'nfaccia!
E 'stu core s'è fatto rispettà
Per il trionfo della libertà!