Neapolitan Songs - Sto penzanno a Maria

Sto penzanno a Maria

(1919)

music: Ernesto De Curtis,
lyrics: Giambattista De Curtis.
Instrumental version


Sto penzanno a Maria,
Sento 'a luntano cantà 'na canzona,
Che bell'armunia!…

I' sento 'a voce toja, guagliona mia,
Che fantasia!…
Cchiù bella c' 'a bellezza
Te veco e cchiù sincera.
L'eterna primmavera,
Maria mia, sì tu!

Quanno partette 'a Napule,
Nuje sule, dint' ô bosco,
Vicino 'a scorza 'e 'n'albero
I' 'nce signaje "Marì".
I' chiammo 'o nomme tujo
A tutt' 'e ccose belle,
E quanno nasce 'o sole
I' veco a tte!
I' chiammo a tte!
Marì!
Me pareno mill'anne
'E te turnà a vedè!

Penzo sempe a Maria!
Veco 'a luntano 'e ciardine 'e Surriento,
Che bell'armunia!…

I' sento 'a voce toja, Sirena mia,
Che fantasia!…
'A veco assettata
Che canta e ricama
E dice che m'ama…
Uh! Quanta buntà!

Primm' 'e partì 'a Napule,
Nuje sule, senza luna,
Faciste giuramente;
Quanta sincerità!
E dongo 'o nomme tujo
A tutt' 'e ccose belle…
E quanno nasce 'o sole
I' veco a tte!
I' chiammo a tte!
Marì!
Me pareno mill'anne
'E te putè vasà!