Lo stornello del "300"

(1937)

music: Vincenzo D'Annibale,
lyrics: Mario Maglietta.
Instrumental version


Saliva misterioso nella notte,
Sui glicini fioriti del verone,
Uno stornello ch'era un sospirare;
Un sospirare ch'era una canzone.

E lei, pensosa, dietro la vetrata,
Amare non poteva, ed era amata.

Fior di passione,
Noi nel dolore avrem la stessa fine,
Prima che sia finita la canzone.
Ed aggiungeva: te, che tanto amai,
Qual fu il destino mio non lo saprai,
Qual fu il destino mio non lo saprai.

Passò la primavera e allor che tristi
Le foglie cadon lente e piange il cielo,
Mentr'ella, meditando, s'adornava
Dei fior d'arancio e del nuziale velo,

Il vento da lontano le portava
La sospirante voce che cantava:

Fior di passione,
Noi nel dolore avrem la stessa fine,
Ma tacque in uno strappo la canzone,
Né più s'intese e, lei che aveva pianto,
Non seppe mai perché taceva il canto,
Non seppe mai perché taceva il canto.

Fior di passione,
Compiuto s'era il tragico destino.