Lilì Kangy

(1905)

music: Salvatore Gambardella,
lyrics: Giovanni Capurro.
Virginia Da Brescia
(1936 – 2017)


Mò nun sò cchiù Cuncetta,
Ma sò Lilì Kangy,
Sciantosa prediletta,
Avite voglia 'e dì!

Quanno me ribbuttaje,
E chi v' 'o ppò cuntà?
'A gente me menaje
Mazzate 'nquantità.

Chi me piglia pe' frangesa,
Chi me piglia pe' spagnola;
Ma sò nata ô Conte 'e Mola,
Metto 'a coppa a chi vogl'i'!

Caro Bebé,
Che guarde a fà?
I' quanno veco a tte
Mme sento disturbà.

Tre ssore piccerelle
Veneno appriesso a mme
E fanno 'e stelletelle
Pe' dint' a 'sti cafè!

Ma i' songo 'a vera stella
D'ogne cafè sciantà;
Sulo cu 'na resella
Ve faccio cunzulà.

Chi me piglia pe' frangesa,
Chi me piglia pe' spagnola;
Ma sò nata ô Conte 'e Mola,
Metto 'a coppa a chi vogl'i'!

Caro Bebé,
Che guarde a fà?
I' quanno veco a tte
Mme sento disturbà.

Ê vvote 'ncopp' ô foglio
Sento parlà 'e Lilì;
Io leggo, ma mme 'mbroglio,
Che vuò arrivà a capì?

Ma chesto nun me 'mporta,
S'addà sapè abballà;
Basta c' 'a vesta è corta,
Tutto se pò aggiustà!

Chi me piglia pe' frangesa,
Chi me piglia pe' spagnola;
Ma sò nata ô Conte 'e Mola,
Metto 'a coppa a chi vogl'i'!

Caro Bebé,
Che guarde a fà?
I' quanno veco a tte
Mme sento disturbà.