Figlio, nun mannà dollare!

(1923)

music: Vincenzo D'Annibale,
lyrics: Raffaele Chiurazzi.
Consiglia
Licciardi


Pe' 'sti terre d'America
Ca pane m'hanno dato,
Aggio lassato Napule,
Paese addò sò nato.
'Nu sciore ardente 'e femmena
Che penzo sempe e apprezzo
E 'o bbene santo 'e mammema,
Tesoro senza prezzo.
E ssò sett'anne! E cresce 'a pucundria!
Mare 'e Santa Lucia,
Si te torno a vedè,
Voglio campà cu tte
Pe' tutt' 'o riesto 'e chesta vita mia!

Mme sò stancato 'e leggere:
"Mio dolge amor perduto,
N'aggio chiagnute lacreme
Da quando sì partuto.
Io spero a quella Vergine,
Che mi sarai costante
E, senza più prommettere,
Verrai nel mese entrante".

E ssò sett'anne! E cresce 'a pucundria!
Core, trovene 'a via!
Ma si 'a torno a vvedè!
L'aggio attaccà cu mme
Pe' tutt' 'o riesto 'e chesta vita mia!

E stammatina l'urdema
Lettera m'è venuta;
'E mmane me tremmaveno
Quanno l'aggio araputa!
"Figlio, nun mannà dollare!
Figlio, songo malata,
Meglio, meglio 'a miseria!
Pecché m'hê abbandunata?"

E ssò sett'anne! È troppo 'a pucundria!
Mò stesso trovo 'a via.
Si 'a vita diste a mme,
Corro pe' te vedè!
Ah… mamma mia! Mme 'mbarco e torno a tte!