Neapolitan Songs - Anema ardente

Anema ardente

(1929)

music: Vincenzo D'Annibale,
lyrics: Libero Bovio.
Instrumental version


"Anema ardente" se chiammava. E ardeva,
Ardeva 'e passione e ggelusia.
E quann' ê vvote 'mbracci'a mme cadeva,
Era tutt' uno 'a vita soja cu 'a mia.
"Anema ardente" se chiammava. E ardeva.

Che sole,
Che sole
Dint' a ll'uocchie le luceva!
Che belli parole
D'ammore diceva!
Che smania, che freve
Teneva 'int' ê vvene…
Che bene, che bene
Sapeva vulè!

Era 'na sensitiva "Anema ardente"
Ca tutto le faceva ombra 'e dulore.
Campava 'e niente e nun cercava niente
'Stu povero aucelluzzo cantatore,
Era 'na sensitiva "Anema ardente"!

Che sole,
Che sole
Dint' a ll'uocchie le luceva!
Che belli parole
D'ammore diceva!
Che smania, che freve
Teneva 'int' ê vvene…
Che bene, che bene
Sapeva vulè!

E ardette fino a quanno s'abbrusciaje
'Sta 'nnammurata mia d' 'o primmo ammore.
'Nu sciuscio 'e viento 'e Autunno s' 'a purtaje
Appena 'e ffronne cagnano culore…
E ardette fino a quanno s'abbrusciaje.

Che sole,
Che sole
Dint' a ll'uocchie le luceva!
Che belli parole
D'ammore diceva!
Che smania, che freve
Teneva 'int' ê vvene…
Che bene, che bene
Sapeva vulè!