'A vongola

(1892)

music: Vincenzo Di Chiara,
lyrics: Giovanni Capurro.
Antonio
Buonomo


Dint' ô vico 'e Curtellare
Se diceva 'a tutte quante
Ca pe' mezzo 'e 'nu birbante
Che sacc'i' mò
Ch'iv' 'a murì
Bell' accussì!

Ma vedite che nce azzecca
'Stu murì p' 'a passione,
Quanno maje unu cazone
T'ê avastato, Carulì?!

Chesta è 'na vongola
Quant' a 'na congola,
Propeta mascula
P' 'a nuvità.
Chesta è 'na vera
Vongola fina,
Cchiù masculina
Nun ce pò stà.

Tu p' 'a primma, ogne mumento,
Ive attuorno e me sparlave,
Cu 'e ghiastemme ca menave:
"Ll'aggi' 'a vedè
C'addà sculà,
Ll'hann' 'a squartà!"

E tenive sempe 'nfrisco
Cinco o sei for' 'o quartiere,
Po' dicive ca 'o penziero
Steva sempe 'ncuoll' a mme!

Chesta è 'na vongola
Quant' a 'na congola,
Propeta mascula
P' 'a nuvità.
Chesta è 'na vera
Vongola fina,
Cchiù masculina
Nun ce pò stà.

Gennarino 'o stagnariello,
Mezacanna e 'o figlio 'e Tata,

Tutt' e tre t'hanno lassata;
Pecché cu tte,
Mò simmo llà,
Nèh, ch'hann' 'a fà?

Si quaccuno t'addimmanna,
Tuorne a fà Santa 'Nchiastella!
Bene mio, pe' 'sta zetella
'N'ommo buono nun ce sta?!

Chesta è 'na vongola
Quant' a 'na congola,
Propeta mascula
P' 'a nuvità.
Chesta è 'na vera
Vongola fina,
Cchiù masculina
Nun ce pò stà.