Pulecinella
Flag Counter

Gli strumenti
napoletani

La tammorra

I testi delle canzoni napoletane

ENG
ITA
RUS

Serenatella a 'na cumpagna 'e scola


Museca: Giuseppe Bonavolontà,

Vierse: Michele Galdieri.

Anno: 1947

Serenata ad una compagna di scuola


Musica: Giuseppe Bonavolontà,

Versi: Michele Galdieri.

Anno: 1947

Serenatella a 'na cumpagna 'e scola
Ca se chiammava...
'O nomme, no, nun mm' 'o ricordo.
Tropp'anne sò passate, 'o tiempo vola
E mò sò ttante ca mme stanco d' 'e cuntà!
Ma, comme fosse ajere,
A me mme pare d' 'a vedè
A 'o stesso banco, proprio affianco a mme.

Serenatella a 'na cumpagna 'e scola
Ca si 'a guardavo, già tremmavo, comm'a che!

Vita, vita sbagliata!
Ch'aggio perduto!
Ch'aggio lassato!
Ma che ce penzo a ffà?
Va' trova, mò, addò sta
Chella felicità
Сa mme puteva accumpagnà!

Cchiù tiempo passa
E cchiù mme vene a mmente
E, cchiù 'e 'na vota,
Sento 'a voce ca mme dice:
"Comm'è che allora nun capiste niente?
Io te vulevo tantu bbene, cride a me!"
"E i' pure – lle rispongo – te vulevo bbene a tte!
Pecché nun ce capettemo, pecché?"

Cchiù tiempo passa e cchiù mme vene a mmente,
Ma 'o nomme...
Niente, nun mm' 'o pozzo arricurdà!

Vita, vita sbagliata!
Ch'aggio perduto!
Ch'aggio lassato!
Ma che ce penzo a ffà?
Va' trova, mò, addò sta
Chella felicità
Сa mme puteva accumpagnà!

Serenatella a 'na cumpagna 'e scola
Ca, mme ricordo, se chiammava: "Giuventù!"

Serenata ad una compagna di scuola
Che si chiamava…
Il nome, no, non me lo ricordo.
Troppi anni sono passati, il tempo vola
E tante donne ho avuto che mi stanco di contarle!
Ma, come se fosse ieri,
Mi sembra di vederla
Allo stesso banco, vicino a me.

Serenata ad una compagna di scuola
Сhe se la guardavo, già tremavo come che!

Vita, vita sbagliata!
Che cosa ho perso!
Che cosa ho lasciato!
Ma perché ci penso?
Chissà, ora, dov'è
Quella felicità
Che mi poteva accompagnare!

Più tempo passa
E più il ricordo è chiaro
E, più di una volta,
Sento la sua voce che mi dice:
"Come mai allora non capisti niente?
Io ti volevo tanto bene, credimi!"
"Ed anch'io – le rispondo – ti volevo bene!
Perché non ci comprendemmo, perché?"

Più tempo passa e più il ricordo è chiaro,
Ma il suo nome…
Niente, non me lo posso ricordare!

Vita, vita sbagliata!
Che cosa ho perso!
Che cosa ho lasciato!
Ma perché ci penso?
Chissà, ora, dov'è
Quella felicità
Che mi poteva accompagnare!

Serenata ad una compagna di scuola
Che, mi ricordo, si chiamava: "Gioventù!"