Pulecinella

I testi delle canzoni napoletane

ENG
ITA
RUS

Serenata palazzola


Museca: Eduardo Di Capua,

Vierse: Vincenzo Russo.

Anno: 1903

Serenata sotto un palazzo


Musica: Eduardo Di Capua,

Versi: Vincenzo Russo.

Anno: 1903

Stongo guardanno attuorno e nun te veco,
'Sta fenestella è 'nchiusa 'mmiez'ê ffronne.
I' canto ma nisciuno me risponne
E 'sta canzona mia pe' viento va.

'A ggente ca me sente certo dice:
"Chist'è 'nu core cchino d'allegria".
Ma nun è accussì, vuje nun sapite,
I' canto pe' scupà 'sta fantasia.

I' sò comm'a 'n'auciello 'int'â cajola,
Canto p'arraggio 'e 'sta 'nfama figliola.

Quanno nun staje tu a 'sta fenesta,
Pare comm'a 'nu cielo senza stelle.
Sò seccate 'int'ê tteste 'sti ffrunnelle,
Pare 'na pucundria mieze ccà.

'N'ora ca nun te veco pare 'n'anno,
'N'anno si stò pe' tte pare 'nu juorno.
Quanno t'affacce tu cu 'st'uocchie belle,
'E stelle se ne traseno p' 'o scuorno.

I' sò comm'a 'n'auciello 'int'â cajola,
Canto p'arraggio 'e 'sta 'nfama figliola.

Sto guardando intorno e non ti vedo,
Questa finestra è chiusa tra le foglie.
Io canto ma nessuno mi risponde
E questa canzone mia va nel vento.

La gente che mi sente certo dice:
"Questo è un cuore pieno d'allegria".
Ma non è così, voi non sapete,
Io canto per sbarazzarmi di questa fantasia.

Io sono come un uccello nella gabbia,
Canto per collera di questa ragazza spietata.

Quando non stai tu a questa finestra,
Sembra come un cielo senza stelle.
Sono seccate le piante nei vasi,
Sembra che una malinconia c'è qui.

Un'ora che non ti vedo sembra un anno,
Un anno se sto per te sembra un giorno.
Quando ti affacci tu con questi begli occhi
Le stelle se ne vanno per la vergogna.

Io sono come un uccello nella gabbia,
Canto per collera di questa ragazza spietata.