Pulecinella
Flag Counter

Gli strumenti
napoletani

Il triccheballacche

I testi delle canzoni napoletane

ENG
ITA
RUS

Serenata napulitana


Museca: Mario Pasquale Costa,

Vierse: Salvatore Di Giacomo.

Anno: 1896

Serenata napolitana


Musica: Mario Pasquale Costa,

Versi: Salvatore Di Giacomo.

Anno: 1896

Dimme, dimme a chi pienze assettata
Sola sola, addereto a 'sti llastre?
'Nfacci'ô muro, 'e rimpetto, stampata
Veco 'n'ombra, e chest'ombra sì tu.

Fresca è 'a notte; 'na luna d'argiento
Saglie 'ncielo e cchiù ghianca addeventa.
E 'nu sciato, ogne tanto, d' 'o viento
'Mmiez'a 'st'aria se sente passà.

Ah, che notte, ah, che notte!
Ma pecché nun t'affacce?
Ma pecché, ma pecché mme ne cacce,
Catarì, senza manco parlà?

Ma ce sta 'nu destino
E io ce credo e ce spero.
Catarì, nun è overo:
Tu cuntenta nun sì.

Catarì, Catarì,
Tu cuntenta nun sì.

Catarì, Catarì, mm'hê lassato.
Tutto 'nzieme 'st'ammore è fernuto,
Tutto 'nzieme t'hê scivete a 'n'ato,
Mm'hê 'nchiantato e mm'hê ditto: Bonnì!

E a chist'ato ca tu mo vuò bbene
Staje penzanno e, scetata, ll'aspiette,
Ma chist'ato, stasera, nun vene,
E maje cchiù, t' 'o ddich'io, venarrà.

No! Nun vene, nun vene.
Ll'aggio visto p' 'a strata
Cammenà, core a core, cu 'n'ata,
E, redenno, parlavano 'e te.

Tu sì stata traduta,
Tu sì stata lassata,
Tu sì stata 'nchiantata,
Pure tu, pure tu.

Catarì, Catarì,
Tu cuntenta nun sì.

Dimmi, dimmi, a chi pensi seduta
Sola sola, dietro alla finestra?
Sul muro dirimpetto stampata
Vedo un'ombra, e quest'ombra è la tua.

La notte è fresca; la luna d'argento
Sale in cielo e diventa più bianca.
Ed, ogni tanto, un soffio del vento
Per l'aria passa.

Ah, che notte, ah, che notte!
Ma perché non ti affacci?
Ma perché, ma perché mi cacci,
Caterina, senza nemmeno spiegare?

Ma c'è un destino
Nel quale io credo e ci spero.
Caterina, non è vero:
Neanche tu sei contenta.

Caterina, Caterina,
Neanche tu sei contenta.

Caterina, Caterina, mi hai lasciato.
All'improvviso l'amore tuo è finito,
All'improvviso hai scelto un'altro,
Mi hai piantato e mi hai detto: Buona giornata!

E a quest'altro che ora tu vuoi bene
Stai pensando e, svegliata, lo aspetti.
Ma quest'altro stasera non viene
E mai più verrà, te lo dico io.

No! Non viene, non viene.
L'ho visto per la strada
Camminava sottobraccio con un'altra
E, ridendo, parlavano di te.

Tu sei stata tradita,
Tu sei stata lasciata,
Tu sei stata piantata,
Anche tu, anche tu.

Caterina, Caterina,
Neanche tu sei contenta.