Pulecinella
Flag Counter

Gli strumenti
napoletani

La tammorra

I testi delle canzoni napoletane

ENG
ITA
RUS

Scummunicato


Museca: Evemero Nardella,

Vierse: Francesco Fiore.

Anno: 1924

Scomunicato


Musica: Evemero Nardella,

Versi: Francesco Fiore.

Anno: 1924

T'arricuorde? T'aspettavo
Dint' 'a cchiesa d' 'o Gesù.
Tu trasive e i' suspiravo,
Suspirave pure tu.
Po' venive e, leggia leggia,
T'assettave a fianco a me
Ca tenevo sempe 'a seggia
Priparata già pe' tte.

Mme dicive: "Vita mia,
Prega e dice appriesso a me!"
E i' dicevo,
E i' dicevo: "Avemmaria",
"Gloriapatri" appriesso a te.

Io te spiavo sottavoce:
"Mme vuò bbene sempe a me?"
Rispunnive: "Fatt' 'a croce!
Voglio bbene sempe a te".
Ma 'stu munno comm'è triste!
Chi puteva 'mmagginà
Ca, 'int' 'a casa 'e Gesù Cristo,
Mme venive a arrepassà!

Mme dicive: "Vita mia,
Prega e dice appriesso a me!"
E i' dicevo,
E i' dicevo: "Avemmaria",
"Gloriapatri" appriesso a te.

Io mo sò scummunicato
E 'int' 'a cchiesa d' 'o Gesù,
Da che tu mm'hê abbandunato,
Nun ce traso proprio cchiù.
Ma tu no, sì sempe 'a stessa!
Tu sì sempe chella llà
Ca te siente ancora 'a messa
Pe' fà ancora 'nfamità.

Ca si mo nun sò cchiù io,
Certo 'n'ato t'aspettarrà.
Primma 'o 'mpare,
Primma 'o 'mpare 'e ccose 'e Ddio,
Doppo 'o 'mpare a ghiastemmà.

Ti ricordi? Ti aspettavo
Nella chiesa del Gesù.
Tu entravi ed io sospiravo,
Sospiravi anche tu.
Poi ti avvicinavi e, pian piano,
Ti sedevi affianco a me
Che tenevo sempre la sedia
Preparata già per te.

Mi dicevi: "Vita mia,
Prega e di' insieme a me!"
Ed io dicevo,
Ed io dicevo: "Ave Maria",
"Gloria al Padre" insieme a te.

Io ti dicevo sottovoce:
"Tu vuoi bene sempre a me?"
Rispondevi: "Fatti la croce!
Voglio bene sempre a te".
Ma questo mondo come è triste!
Chi poteva immaginare
Che, nella casa di Gesù Cristo,
Mi venivi a beffare!

Mi dicevi: "Vita mia,
Prega e di' insieme a me!"
Ed io dicevo,
Ed io dicevo: "Ave Maria",
"Gloria al Padre" insieme a te.

Io ora sono scomunicato
E nella chiesa del Gesù,
Da quando tu mi hai abbandonato,
Non ci entro proprio più.
Ma tu no, sei sempre la stessa!
Tu sei sempre quella là
Che senti ancora la messa
Per fare ancora l'infamia.

E se ora non sono più io,
Certamente un altro ti aspetterà.
Prima gli insegni,
Prima gli insegni le cose di Dio,
Poi gli insegni a bestemmiare.