Pulecinella
Flag Counter

I testi delle canzoni napoletane

ENG
ITA
RUS

Ricordo 'e maggio


Museca: Domenico Pirozzi,

Vierse: Raffaele Paliotti.

Anno: 1968

Ricordo di maggio


Musica: Domenico Pirozzi,

Versi: Raffaele Paliotti.

Anno: 1968

Era 'e maggio,
Verso 'e quinnece d' 'o mese.
'A strada mez'asciutta, meza 'nfosa,
'Nu cielo celeste e nuvoluso
E 'n'aria quase 'nfosa.
Era 'e maggio,
Verso 'e quinnece d' 'o mese.

'Nu ventariello doce e preputente
Smuveva 'sti capille tuttequante.
Nervosa e allera ridive comm'a cchè
E me pareva chisto viso tujo
'Nu volo 'e colombe bianche 'mmiez' ô cielo,
Celeste sott' ô sole.

Io, io te vasaje,
'Na vota, 'n'ata vota, ciento vvote,
Appriesso, appriesso senza me fermà.
Ma po', impruvvisamente,
Dicette: "Ma che faje?
Tu tiene 'a faccia 'nfosa".
E tu, ridenno, me diciste: "È niente!
Sò ggocce d'acqua
C' 'o viento 'a copp' ê ffronne fa cadè".

Nun è maggio,
Nun sò 'e quinnece d' 'o mese.
'A strada è tutt'asciuta, nun è 'nfosa.
Che cosa strana: mò tu nun ce staje
E i' tengo 'a faccia 'nfosa.
Nun è maggio,
Nun sò 'e quinnece d' 'o mese.

Era di maggio,
Verso il quindici del mese.
La strada mezzo asciutta, mezzo bagnata,
Il cielo celeste e nuvoloso
E un'aria quasi bagnata.
Era di maggio,
Verso il quindici del mese.

Un vento dolce e prepotente
Muoveva tutti questi capelli.
Nervosa e allegra ridevi tanto
E il viso tuo mi sembrava
Un volo di colombe bianche in mezzo al cielo,
Celeste sotto il sole.

Io, io ti baciai,
Una volta, un'altra volta, cento volte,
Appresso, appresso senza fermarmi.
Ma poi, improvvisamente,
Dissi: "Ma cosa fai?
Tu hai la faccia bagnata".
E tu, ridendo, mi dicesti: "È niente!
Sono gocce d'acqua
Che il vento da sopra alle foglie fa cadere".

Non è maggio,
Non è il quindici del mese.
La strada è tutta asciuta, non è bagnata.
Che cosa strana: ora tu non ci sei
E io ho la faccia bagnata.
Non è maggio,
Non è il quindici del mese.