Pulecinella
Flag Counter

I testi delle canzoni napoletane

ENG
ITA
RUS

Quann'ero surdato


Museca: Marcello Cambi,

Vierse: Antonietta Rispoli.

Anno: 1954

Quando ero soldato


Musica: Marcello Cambi,

Versi: Antonietta Rispoli.

Anno: 1954

Quann'ero 'nu surdato 'e fanteria,
'Na sera ca passavo pe' 'na via,
Dint'a 'na luggetella ô primmo piano
Vedette 'o meglio sciore 'e giuventù.
E quanno chillo sciore me guardaje
'O core ca durmeva se scetaje.

Ma che sfurtuna, doppo 'nu minuto
Pà-pà-pà-pà! Sentette 'a ritirata.
Sciurillo 'e primmavera, te saluto.
Dimane stongo 'n'ata vota ccà.

E dint' â luggetella 'a rivedette.
– Pecché nun scinn'abbascio? – Le dicette.
Me rispunnette cu 'nu filo 'e voce:
– Se m'aspettate, adesso vengo giù. –
Nun saccio quanto tiempo ll'aspettaje,
Po' verso 'e nove 'nnanze m' 'a truvaje.

Ma che sfurtuna, doppo 'nu minuto
Pà-pà-pà-pà! Sentette 'a ritirata.
Sciurillo 'e primmavera, te saluto.
Dimane stongo 'n'ata vota ccà.

'Na sera finalmente 'ncopp' ô core
I' mme strignette chillo bello sciore
E 'nParaviso stette fino a quanno
Nun me dicette: "Guarda! C'è mammà!
Di te le ho già parlato, non tremare!
Ti viene a dire che mi puoi sposare".

Ma che sfurtuna, doppo 'nu minuto
Pà-pà-pà-pà! Sentette 'a ritirata.
Sciurillo bello, stongo dispiaciuto,
Aggio 'a scappà. Salutame a mammà!

Salutame a mammà!

Quando ero un soldato di fanteria,
Una sera che passavo per una strada,
In un terrazzino al primo piano
Vidi il miglior fiore di gioventù.
E quando quel fiore mi guardò
Il cuore che dormiva si svegliò.

Ma che sfortuna, dopo un minuto
Pà-pà-pà-pà! Sentii la ritirata.
Fiorellino di primavera, ti saluto.
Domani un'altra volta sto qui.

E nel terrazzino la rividi.
– Perché non scendi giù? – Le dissi.
Mi rispose con un filo di voce:
– Se mi aspettate, adesso vengo giù. –
Non so quanto tempo l'aspettai,
Poi verso le nove davanti me la trovai.

Ma che sfortuna, dopo un minuto
Pà-pà-pà-pà! Sentii la ritirata.
Fiorellino di primavera, ti saluto.
Domani un'altra volta sto qui.

Una sera finalmente sul mio cuore
Io mi strinsi quel bel fiore
E in Paradiso stetti a quando
Non mi disse: "Guarda! C'è mamma!
Di te le ho già parlato, non tremare!
Ti viene a dire che mi puoi sposare".

Ma che sfortuna, dopo un minuto
Pà-pà-pà-pà! Sentii la ritirata.
Fiorellino bello, sono dispiaciuto,
Devo scappare. Salutami a mamma!

Salutami a mamma!

tradotto da Natalia Cernega