Pulecenella
Flag Counter

Napoletani
famosi

Salvo D'Acquisto

(15.10.1920 - 23.09.1943)

Un eroe italiano, insignito di Medaglia d'oro al valor militare alla memoria.

Testi delle canzoni napoletane

RussiaRUS
ItaliaITA
InghilterraENG

Priggiuniero 'e guerra


Museca: E.A. Mario,

Vierze: Tito Manlio.

Anno: 1933

Prigioniero di guerra


Musica: E.A. Mario,

Versi: Tito Manlio.

Anno: 1933

La canzone dice del intervento in Siberia da parte della Triplice Intesa tra il 1918 ed il 1920 durante la Guerra civile russa a sostegno del Ammiraglio Kolciak e l'Armata Bianca contro l'Armata Rossa. Da parte del Regno d'Italia nel 1918 in Siberia fu inviato il Corpo di spedizione italiano in Estremo Oriente comandato dal colonnello Fassini-Camossi. Molti di quei soldati italiani, ovviamente, erano tenuti prigionieri da bolscevichi.


Mme songo ricurdato 'a strada e 'o nummero
E aggio truvato 'a porta comm'a quanno,
D' 'o lunnerì a matina fin' ô sabato,
Passavo 'e ssettimane faticanno.

Felicità ca m'aspettave â sera:
Dduje figlie piccerille e 'na mugliera.
Mò sò sagliuto e, invece, aggio truvato…
Vicino â porta scritto 'o nomme 'e 'n'ato.

E mme sò 'ntiso 'e dicere:
"Chella ca vuje cercate nun sta ccà!
Ca rimanette vedova,
Ma doppo, s'è turnata a 'mmaretà".

E io songo 'o muorto ch'è turnato a nascere,
Mò 'o priggiuniero asciuto a libbertà.

Ah, comme ce tenive a restà vedova!
Tu ca dicive: "'Ammore, quann'è ammore,
Dura 'n'eternità, cchiù forte 'e ll'edera.
Nemmeno 'a morte spartarrà 'sti core".

E invece 'a guerra è stata assaje cchiù forte.
'A guerra è stata, è stata pe' mme 'a morte.
'St'ammore ch'era eterno, ll'ha spezzato.
Mò i' sò 'n'estraneo e tu 'a mugliera 'e 'n'ato.

Meglio a restà 'nSiberia
Senza sapè ch'era succieso ccà!
Desideravo Napule
E 'nu penziero me diceva: "Va'!"

E sò turnato a dì: "Io mò sò libero!"
Ma a che me giova chesta libbertà!

No! 'Nnanz' ê figlie mieje tu nun hê 'a chiagnere!
Se pò accuncià 'stu fatto e sacc'io comme:
Ll'ommo songh'i', songh'io ca mme sacrifico!
Ll'ommo c'ha perzo tutto: 'a casa e 'o nomme.

Io te ringrazio ca, restanno sola,
Te sì privata e ll'hê mannate â scola.
E quanno ancora te sì 'mmaretata,
Sì stata ancora mamma affezionata.

Si lloro te dicessero:
"Fance cuntente, parlace 'e papà!"
Dincello: "Era 'nu giovane
Ca maje nun se stancava 'e faticà.

Po' jette 'nguerra e nun turnaje cchiù a Napule".
Di' 'sta buscia ca è cchiù d' 'a verità!

Da ogge in avanti, chesto ce 'o ppuò dicere,
Ca ll'ombra mia risponne: "È verità!"



Mi sono ricordato la strada ed il numero
Ed ho trovato la porta come quando,
Dal lunedì mattina fino al sabato,
Passavo le settimane lavorando.

Felicità che mi aspettava alla sera:
Due figli piccoli ed una moglie.
Ora sono salito e, invece, ho trovato…
Vicino alla porta, scritto il nome di un altro.

E mi sono sentito dire:
"Quella che voi cercate non c'è qua!
Rimase vedova,
Ma dopo, si è sposata di nuovo".

E io sono il morto che è rinato,
Ora il prigioniero uscito in libertà.

Ah, come ci tenevi a rimanere vedova!
Tu che dicevi: "L'amore, quando è amore,
Dura un'eternità, più forte dell'edera.
Nemmeno la morte dividerà questi cuori".

E invece la guerra è stata molto più forte.
La guerra è stata, è stata per me la morte.
Quest'amore che era eterno, l'ha spezzato.
Ora sono estraneo e tu la moglie di un altro.

Meglio rimanere in Siberia
Senza sapere cos'era successo qua!
Desideravo Napoli
Ed un pensiero mi diceva: "Vai!"

E sono ritornato a dire: "Io ora sono libero!"
Ma a cosa mi serve questa libertà!

No! Davanti ai figli miei tu non devi piangere!
Si può aggiustare questa cosa e so io come:
L'uomo sono io, sono io che mi sacrifico!
L'uomo che ha perso tutto: la casa ed il nome.

Io ti ringrazio che, restando sola,
Ti sei privata e li hai mandato alla scuola.
E quando ancora ti sei sposata,
Sei stata ancora la mamma affezionata.

Se loro ti dicessero:
"Facci felici, parlaci di papà!"
Diglielo: "Era un giovane
Che mai si stancava di lavorare.

Poi andò in guerra е non tornò più a Napoli".
Di' questa bugia che è più della verità!

Da oggi in avanti, quanto glie lo puoi dire,
Perché la mia ombra risponde: "È verità!"

tradotto da Natalia Cernega