Pulecenella
Flag Counter

Strumenti
napoletani

Il triccheballacche

Testi delle canzoni napoletane

Paese che 'ncatena!


Museca: Ernesto De Curtis,

Vierze: Ernesto Murolo.

Anno: 1919

Paese che incatena!


Musica: Ernesto De Curtis,

Versi: Ernesto Murolo.

Anno: 1919

Versione strumentale


Sto fore Napule,
Nun tengo palpite:
Ll'amice, 'e ffemmene,
'Na cena a ll'aria…
Che libbertà!
Strate nove, gente nova,
Parlatura furastera,
Pur' 'a luna veco, 'a sera,
Meglio 'e Napule spuntà…

Paese che 'ncatena!
Te lasso pe' dispietto 'e chistu core,
Felice 'e te lassà;
E me ne rido 'e chi, pe' simpatia,
Quanno te sta luntano, vularria
'N'auciello addeventà…

Sto fore Napule!
Nu cchiù Pusilleco
C' 'o mare soleto,
Cu 'a varca a cconnola
Pe' nun durmì…
Che ne faje chisti bbellizze
Cu 'na spina dint' ô core,
Ca, si 'a tuocche, fa delore,
Si t' 'a scippe… può murì?…

Paese che 'ncatena!
Te lasso pe' dispietto 'e chistu core,
Felice 'e te lassà;
E cu 'sti bell' amice 'ncumpagnia,
'Sta vita, ca me resta, vularria
Luntano 'a te passà!

Pecché se scetano
Tutt' 'e cchiù tiennere
Ricord' 'e Napule?
Chiagneno… diceno:
"Te fid' 'e stà?
Che ne saje si,'a te luntano,
Chi te dà turmiente e pene,
S'è cagnata e te vò bbene?
Che ne saje?… Te fid' 'e stà?…"

Paese che 'ncatena!
Te lasso pe' dispietto 'e chistu core,
Felice 'e te lassà;
E mò… stanotte… – che malincunia! –
Stanotte, ardentamente, vularria
'N'auciello addeventà!

tradotto da Natalia Cernega


Sto fuori Napoli,
Non ho palpiti:
Gli amici, le donne,
Una cena all'aria…
Che libertà!
Strade nuove, gente nuova,
Parlata straniera,
Anche la luna vedo, la sera,
Spuntare meglio che a Napoli…

Paese che incatena!
Ti lascio per dispetto di questo cuore,
Felice di lasciarti;
E me ne rido di chi, per simpatia,
Quando ti sta lontano, vorrebbe
Diventare un uccello…

Sto fuori Napoli!
Non più Posillipo*
Con il mare solito,
Con la barca come una culla
Per non dormire…
Che ne fai queste bellezze
Con una spina nel cuore,
Che, se la tocchi, fa dolore,
Se te la strappi… puoi morire?

Paese che incatena!
Ti lascio per dispetto di questo cuore,
Felice di lasciarti;
E con questi begli amici in compagnia,
Questa vita, che mi resta, vorrei
Passare lontano da te!

Perché si svegliano
Tutti i più teneri
Ricordi di Napoli?
Piangono… dicono:
"Ce la fai a stare lì?
Che ne sai se, da te lontano,
Chi ti dà tormenti e pene,
È cambiata e ti vuole bene?
Che ne sai?… Ce la fai a stare lì?…"

Paese che incatena!
Ti lascio per dispetto di questo cuore,
Felice di lasciarti;
Ed ora… stanotte… – che malinconia! –
Stanotte, ardentamente, vorrei
Diventare un uccello!

tradotto da Natalia Cernega

* Posillipo è un borgo di Napoli che si trova sulla collina nella costa settentrionale.