Pulecenella
Flag Counter

Strumenti
napoletani

Il triccheballacche

Testi delle canzoni napoletane

RussiaRUS
ItaliaITA
InghilterraENG

'O vascio


Museca: E.A. Mario,

Vierze: Mario Giuseppe Cardarola.

Anno: 1946

Il basso


Musica: E.A. Mario,

Versi: Mario Giuseppe Cardarola.

Anno: 1946

Il basso è un'abitazione misera costituita da un solo locale posto a piano terra.


'A gente ca me vede 'e sentinella
'Nnanz'a 'stu vascio da 'a matina â sera:
"Ma chisto" – dice – "ha perzo 'e ccerevelle?
Ma comme? S'è cecato 'e 'sta manera?"
E, invece, i' voglio bbene a 'na figliola
Ca sta 'int' ô vascio e nun è vasciajola.

No, 'stu vascio nun è vascio,
È 'na reggia. È 'a meglia reggia.
E sissignore, 'o pate è masterascio.
E sissignore, 'a mamma è 'mpagliasegge.
Ma hanno fatto chella figlia
Сh'è 'na vera meraviglia,
Сa pe' sbaglio è nata llà.

'A mamma dice: "No, signore mio!
A stà ô sicondo piano?.. Nun sia maje!"
E 'o pate dice: "Quant'è certo Dio!
Io 'nchian' 'e terra ce stò buono assaje".
E, intanto, 'a figlia, chella bella zita,
Vò stà cu lloro quanno se mmarita.

No, 'stu vascio nun è vascio,
È 'na reggia. È 'a meglia reggia.
E sissignore, 'o pate è masterascio.
E sissignore, 'a mamma è 'mpagliasegge.
Ma hanno fatto chella figlia
Сh'è 'na vera meraviglia,
Сa pe' sbaglio è nata llà.

E ajeressera mme sò appiccecato
Cu 'e genitore mieje c'hanno raggione.
Papà, ch'è pronipote 'e titolato,
Dice: "E addò va a fernì chistu blasone?"
Ma i' penzo ca pe' dduje uocchie 'e brillante,
Scenne 'a cavallo pure 'nu rignante.

No, 'stu vascio nun è vascio,
È 'na reggia. È 'a meglia reggia.
E sissignore, 'o pate è masterascio.
E sissignore, 'a mamma è 'mpagliasegge.
Ma hanno fatto chella figlia
Сh'è 'na vera meraviglia,
Сa pe' sbaglio è nata llà.



La gente che mi vede di sentinella
Davanti a questo basso dalla mattina alla sera:
"Ma questo" – dice – "ha perso la testa?
Ma come? È cecato di questo modo?"
Ed, invece, io voglio bene ad una ragazza
Che sta dentro al basso e non è una volgare.

No, questo basso non è un basso,
È una reggia. È la migliore reggia.
E va bene, il padre è falegname.
E va bene, la mamma impaglia le sedie.
Ma hanno fatto quella figlia
Che è una vera meraviglia,
Che per sbaglio è nata lì.

La mamma dice: "No, signore mio!
Stare al secondo piano?.. Non sia mai!"
E il padre dice: "Quanto è vero Dio!
Io al piano terra ci sto bene assai".
E, intanto, la figlia, quella bella nubile,
Vuole stare con loro quando si sposa.

No, questo basso non è un basso,
È una reggia. È la migliore reggia.
E va bene, il padre è falegname.
E va bene, la mamma impaglia le sedie.
Ma hanno fatto quella figlia
Che è una vera meraviglia,
Che per sbaglio è nata lì.

E ieri sera ho litigato
Con i miei genitori che hanno ragione.
Papà, che è pronipote di un nobile,
Dice: "E dove va a finire questo blasone?"
Ma io penso che per due occhi di brillanti,
Scenderebbe da cavallo anche un re.

No, questo basso non è un basso,
È una reggia. È la migliore reggia.
E va bene, il padre è falegname.
E va bene, la mamma impaglia le sedie.
Ma hanno fatto quella figlia
Che è una vera meraviglia,
Che per sbaglio è nata lì.

tradotto da Natalia Cernega