Pulecinella
Flag Counter

Gli strumenti
napoletani

La ciaramella

I testi delle canzoni napoletane

ENG
ITA
RUS

'O scarpariello


Museca: Giuseppe Cioffi,

Vierse: Luigi Cioffi.

Anno: 1954

Il ciabattino


Musica: Giuseppe Cioffi,

Versi: Luigi Cioffi.

Anno: 1954

Jeva pe' 'nnummenata 'int' ô quartiere,
Faceva cierte scarpe su misura
C'accuntentava 'e meglie d' 'e signure,
'Stu scarpariello 'e dint'a Sanità.

'Nu juorno 'na figliola, 'a Reginella,
S'appresentaje a 'nnanz' ô bancariello:
"M'hê 'a fà 'nu bello pare 'e scarpetelle,
Raso e merletto, quanno aggi' 'a spusà".

'Nchiova, 'nchiova, scarpariello,
Pe' 'sti scarpe 'e Reginella.
Ma 'stu chiuove 'int' ê cervelle
Comme pogne, scarpariè.
'Stu pensiero, levatillo!
'Nchiova, 'nchiova, scarpariè!

Chillo nun ll'aveva fatta maje 'a 'mmasciata
Pe' nun avè ll'affronto 'e 'nu rifiuto.
Ma Reginella nun ll'eva capito,
Diceva: "Ma quant'arie ca se dà!"

Ma 'o scarpariello mò s'era deciso,
Teneva pronto 'nu biglietto rosa.
Quanno 'nce 'o steva danno cu 'na scusa,
Chella lle ddà 'e scarpe pe' spusà.

'Nchiova, 'nchiova, scarpariello,
Ll'hê perduta a Reginella!
'Stu biglietto, astipatillo,
Leva mano, sient' a mme!
Nun dà retta, scordatella!
'Nchiova, 'nchiova, scarpariè!

Venimmo a nuje. Trasevano dint' â chiesa.
'Nterra a ll'altare 'nu biglietto rosa,
'O sposo 'o legge, cade 'nterra 'a sposa.
S'arrevutaje 'o quartiere 'a Sanità.

'O sposo, ch'era 'n'ommo assaje deciso,
Dicette: "Nun mm' 'a tengo chest'offesa!
Pe' chist'affronto nun ce stanno scuse!
Nisciuno tene 'a forza 'e me fermà!"

'Nchiova, 'nchiova, scarpariello,
Ma 'stu sposo 'e Reginella
Va sapenno: è proprio chillo
Ch'era tanto amico a tte.
E comm'è! Caccia 'o curtiello!
Statte attiento, scarpariè!

Comme sbatte 'stu martiello
'Ncopp' ê fierre 'e 'sta cancella
Ca te leva 'o sole a tte.
Comme chiagne Reginella:
"Ma ch'hê fatto, scarpariè!"

Aveva la nominata nel quartiere,
Faceva belle scarpe su misura
Che accontentava i migliori signori,
Questo ciabattino della Sanità.

Un giorno una ragazza, la Reginella,
Si presentò davanti al suo banco:
"Devi farmi un bel paio di scarpette,
Di raso e merletto, quando devo sposare".

Inchioda, inchioda, ciabattino,
Per queste scarpette di Reginella.
Ma questo chiodo in testa
Come punge, ciabattino.
Questo pensiero, toglietelo!
Inchioda, inchioda, ciabattino!

Quello non l'aveva mai fatto la dichiarazione
Per non avere l'offesa di un rifiuto.
Ma Reginella non l'aveva capito,
Diceva: "Ma quant'arie che si dà!"

Ma il ciabattino ora si era deciso,
Aveva pronto un biglietto rosa.
Quando glielo stava dando con una scusa,
Quella gli dà le scarpe per sposare.

Inchioda, inchioda, ciabattino,
Reginella l'hai persa!
Questo biglietto, buttalo via,
Togli mano, lascia stare!
Non dare retta, dimenticala!
Inchioda, inchioda, ciabattino!

Veniamo a noi. Entravano nella chiesa.
Per terra all'altare un biglietto rosa,
Lo sposo lo legge, cade a terra la sposa.
Si rivoltò il quartiere della Sanità.

Lo sposo, che era un uomo molto deciso,
Disse: "Non me la tengo questa offesa!
Per quest'affronto non ci sono scuse!
Nessuno ha la forza di fermarmi!"

Inchioda, inchioda, ciabattino,
Ma questo sposo di Reginella
Va sapendo: è proprio quello
Che era tanto amico a te.
E com'è! Caccia il coltello!
Stai attento, ciabattino!

Come batte questo martello
Sulle inferriate del carcere
Che ti toglie il sole.
Come piange Reginella:
"Ma cosa hai fatto, ciabattino!"

tradotto da Natalia Cernega