Pulecinella
Flag Counter

I napoletani
famosi

Salvatore Papaccio

(23.06.1890 - 24.12.1977)

Un cantante italiano.

Altre canzoni di
Pasquale Cinquegrana

Fenesta 'ntussecosa
Furturella
Napule bello
Rosa, Rusella

I testi delle canzoni napoletane

ENG
ITA
RUS

'Ndringhete, 'ndrà


Museca: Giuseppe De Gregorio,

Vierse: Pasquale Cinquegrana.

Anno: 1895

'Ndringhete, 'ndrà


Musica: Giuseppe De Gregorio,

Versi: Pasquale Cinquegrana.

Anno: 1895

'Ndringhete, 'ndrà è una frase che si usa come la risposta per una domanda importuna.

Carmenella è 'na bella figliola,
Venne ll'acqua gelata â stagione,
Gelata â stagione.

– Comme spriemme 'stu bellu limone,
Tu mme spriemme 'stu core, Carmè,
'Stu core, Carmè.

Tutt' 'a vonno a 'sta bella acquajola,
Ma nisciuno s' 'a piglia. Pecché?

E pecché? Pecché 'ndringhete, 'ndrà!
'Mmiez'ô mare 'nu scoglio nce sta.
Tutte venono a bevere ccà
Pecché 'ndringhete, 'ndringhete, 'ndrà!

Dint' 'e ffeste 'nu giovane 'e fore
Ll'ha veduta e s'è fatto tantillo,
S'è fatto tantillo.

S'è scurdato 'e mammella e tatillo
E a 'o paese nun vò cchiù turnà,
Nun vò cchiù turnà.

– Carmenè, ve vulesse spusare.
– Giuvinò, nun è cosa. – Pecché?

E pecché? Pecché 'ndringhete, 'ndrà!
'Mmiez'ô mare 'nu scoglio nce sta.
Tutte venono a bevere ccà
Pecché 'ndringhete, 'ndringhete, 'ndrà!

È passato 'nu bellu surdato,
S'è fermato vicino a Carmela,
Vicino a Carmela.

– 'Sta manella 'int'a ll'acqua se gela,
Si mm' 'a stienne t' 'a 'nfoco, Carmè,
T' 'a 'nfoco, Carmè.

Mo fernesco 'sta ferma e te sposo.
– Capurà, nun è cosa. – Pecché?

E pecché? Pecché 'ndringhete, 'ndrà!
'Mmiez'ô mare 'nu scoglio nce sta.
Tutte venono a bevere ccà
Pecché 'ndringhete, 'ndringhete, 'ndrà!

– Ma tenesse 'o marito 'ngalera?
– Carmenella nun è 'mmaretata,
Nun è 'mmaretata.

– Ma tenesse 'a parola 'mpignata?
– Carmenella ll'ammore nun fa,
Ll'ammore nun fa.

– Ma ched'è, nun lle giova 'o marito?
Ma pecché nun se vò 'mmaretà?

E pecché? Pecché 'ndringhete, 'ndrà!
'Mmiez'ô mare 'nu scoglio nce sta.
Tutte venono a bevere ccà
Pecché 'ndringhete, 'ndringhete, 'ndrà!

Carmelina è una bella ragazza,
Vende l'acqua gelata in estate,
Gelata in estate.

– Come spremi questo bel limone,
Tu spremi il mio cuore, Carmela,
Il mio cuore, Carmela.

Tutti la vogliono questa bella acquaiola,
Ma nessuno la prende. Perché?

E perché? Perché 'ndringhete, 'ndrà!
In mezzo al mare c'è uno scoglio.
Tutti vengono a bere qua
Perché 'ndringhete, 'ndringhete, 'ndrà!

Dalle finestre un giovane forestiero
L'ha vista e si è fatto piccino,
Si è fatto piccino.

Si è dimenticato di mammina e papino
E al paese non vuole più tornare,
Non vuole più tornare.

– Carmela, vi voglio sposare.
– Giovanotto, non è cosa. – Perché?

E perché? Perché 'ndringhete, 'ndrà!
In mezzo al mare c'è uno scoglio.
Tutti vengono a bere qua
Perché 'ndringhete, 'ndringhete, 'ndrà!

È passato un bello soldato,
Si è fermato vicino a Carmela,
Vicino a Carmela.

– La tua manina nell'acqua si gela,
Se me la stendi te la infuoco, Carmela,
Te la infuoco, Carmela.

Ora finisco la ferma e ti sposo.
– Caporale, non è cosa. – Perché?

E perché? Perché 'ndringhete, 'ndrà!
In mezzo al mare c'è uno scoglio.
Tutti vengono a bere qua
Perché 'ndringhete, 'ndringhete, 'ndrà!

– Ma avesse il marito in galera?
– Carmelina non è sposata,
Non è sposata.

– Ma avesse un impegno di matrimonio?
– Carmela non è fidanzata,
Non è fidanzata.

– Ma cosa c'è, non le serve un marito?
Ma perché non si vuole sposare?

E perché? Perché 'ndringhete, 'ndrà!
In mezzo al mare c'è uno scoglio.
Tutti vengono a bere qua
Perché 'ndringhete, 'ndringhete, 'ndrà!