Pulecinella
Flag Counter

I napoletani
famosi

Eva Nova

(nome vero
Annunziata Santoli Maccotola)

(31.12.1914 - 30.11.1996)

Una cantante e attrice italiana.

Altre canzoni di
Ernesto Tagliaferri

Ammore canta
Piscatore 'e Pusilleco
Quanno ammore vò filà

I testi delle canzoni napoletane

ENG
ITA
RUS

Napule ca se ne va


Museca: Ernesto Tagliaferri,

Vierse: Ernesto Murolo.

Anno: 1920

Napoli che se ne va


Musica: Ernesto Tagliaferri,

Versi: Ernesto Murolo.

Anno: 1920

E sò sbarcate 'nterra Marechiare
Tre cumitive 'e vascio â Sanità:
Sò ddoje coppie 'e 'nnammurate,
Ddoje maeste 'ngannaccate
Cu 'e marite e 'nu cumpare
Viecchio "capo 'e suggità".

E che tavula speciale!
'Nterra 'o cato cu 'a frutta e 'o vino,
'Nu mellone dint'â cantina,
'O cumpare dint'â cucina
Ca discute cu 'a principale.

E 'a luna guarda e dice:
"Si fosse ancora overo!
Chisto è 'o popolo 'e 'na vota,
Gente semplice e felice!
Chist'è Napule sincero,
Ca pur'isso se ne va".

Divotamente mo se fanno 'a croce,
Comm'è ll'usanza, primma 'e accummincià.
'O cumpare ch'è 'struito,
Fa 'nu brinnese "in pulito".
Lle risponne, a una voce,
Tutt' 'a tavula: "Addò va!"

'A siè Rosa ca se cunzola
Pe' sti suone ca sò venute,
Pe' 'sta voce ch'è fina e bella,
P' 'a canzona ch'è "Palummella",
Palummella ca zompa e vola.

E 'a luna guarda e dice:
"Si fosse ancora overo!
Chisto è 'o popolo 'e 'na vota,
Gente semplice e felice!
Chist'è Napule sincero,
Ca pur'isso se ne va".

'E ttre ffamiglie tornano vucanno,
'Nu poco fatte a vino tutt' 'e ttre.
'A varchetta 'e ccunnulea,
'Na maesta scapuzzea,
'O cumpare parla 'e quanno,
Quanno 'o guappo era 'nu rre.

'E ffigliole, pe' sottaviento,
Mo se fanno 'na zuppetella
Cu 'e taralle 'int'a ll'acqua 'e mare.
Ll'acqua smoppeta fragne e pare
Ca 'e mmanelle sò tutte 'argiento.

E 'a luna guarda e dice:
"Si fosse ancora overo!
Chisto è 'o popolo 'e 'na vota,
Gente semplice e felice!
Chist'è Napule sincero,
Ca pur'isso se ne va".

Sono sbarcate a Marechiaro*
Tre comitive della Sanità:**
Sono due coppie di innamorati,
Due popolane ingioiellate
Con i mariti e un compare
Vecchio "capo dei guappi".***

E che tavola speciale!
A terra il cesto con la frutta e il vino,
Un melone nella cantina,
Il compare nella cucina
Che discute con l'oste.

E la luna guarda e dice:
"Se fosse ancora vero!
Questo è il popolo di una volta,
Gente semplice e felice!
Questa è Napoli sincera
Che anch'essa se ne va".

Devotamente ora si fanno la croce,
Secondo l'usanza, prima di cominciare.
Il compare che è istruito,
Fa un brindisi in italiano.
Gli risponde, a una voce,
Tutta la tavola: "Alla salute!"

La zia Rosa che è contenta
Per questi suonatori che sono venuti,
Per questa voce che è delicata e bella,
Per la canzone che è "Palummella",
Palummella che salta e vola.

E la luna guarda e dice:
"Se fosse ancora vero!
Questo è il popolo di una volta,
Gente semplice e felice!
Questa è Napoli sincera
Che anch'essa se ne va".

Le tre famiglie tornano vogando,
Un po' ubriache tutte e tre.
La barchetta le dondola,
Una donna dormicchia,
Il compare racconta di quando,
Quando il guappo era un re.****

Le ragazze, sottovento,
Si fanno una zuppetta
Intingendo i taralli nell'acqua di mare.
L'acqua smossa rifrange e sembra
Che le manine siano d'argento.

E la luna guarda e dice:
"Se fosse ancora vero!
Questo è il popolo di una volta,
Gente semplice e felice!
Questa è Napoli sincera
Che anch'essa se ne va".


* Marechiaro è un piccolo borgo vicino a Napoli,
** Sanità è uno dei rioni di Napoli,
*** guappi sono personaggi tipici che si facevano rispettare con l'autorevolezza o con la forza,
**** il compare parla dei bei tempi passati.