Pulecinella

I testi delle canzoni napoletane

ENG
ITA
RUS

Luna nova


Museca: Mario Pasquale Costa,

Vierse: Salvatore Di Giacomo.

Anno: 1887

Luna nuova


Musica: Mario Pasquale Costa,

Versi: Salvatore Di Giacomo.

Anno: 1887

La luna nova 'ncopp'a lu mare
Stenne 'na fascia d'argiento fino.
Dint'a la varca lu marenaro
Quase s'addorme cu 'a rezza 'nzino.

Nun durmì, scetate, oje marenà,
Votta 'sta rezza, penza a vucà!

Dorme e suspira 'stu marenaro,
Se sta sunnanno la 'nnammurata.
Zitto e cujeto se sta lu mare,
Pure la luna se nc'è 'ncantata.

Luna d'argiento, lass' 'o sunnà,
Vasalo 'nfronte, nun 'o scetà!

Comm'a 'nu suonno de marenare,
Tu duorme, Napule, viata a te!
Duorme ma, 'nzuonno, llacreme amare,
Tu chiagne, Napule, scetate, scè!

Puozze 'na vota resuscità.
Scetate, scè, Napule, Nà!

La luna nuova sul mare
Stende una fascia d'argento fine.
Nella barca il marinaio
Quasi si addormenta con la rete addosso.

Non dormire, svegliati, oh marinaio,
Getta questa rete, pensa a vogare!

Dorme e sospira questo marinaio,
Sta sognando l'amata.
Zitto e quieto è il mare,
Anche la luna si egrave incantata.

Luna d'argento, lascialo sognare,
Bacialo in fronte, non lo svegliare!

Come un sonno di marinai,
Tu dormi, Napoli, beata te!
Dormi ma, in sogno, lacrime amare,
Tu piangi, Napoli, svegliati!

Tu possa una volta resuscitare.
Svegliati, Napoli, svegliati!