Bandiera

Le canzoni siciliane

Sicilia
Agrigento

Lu lustru di la vanedda

(La luce del vicolo)




Parole e musica di Gian Campione



Canta
Gian Campione
(1946 - 2005)


Risbigliati, risbigliati, mè dama,
Sona lu mazzi jornu e dormi ancora.
Pi ttia sù fatti li sonni amurusi,
Pi mmia ci sunnu li mali riposi.

Tu sì la stidda di la tramuntana
E porti 'u lustru ni la tò vanedda.
Perciò si nun ti susi a matinata
La tò vanedda resta addurmisciuta.

Si grapi adagiu adagiu la finestra
Ed eccu ca cumpari la mè bedda.
Niddu mumentu pari fattu apposta,
Li farfalleddi ci fannu la scorta.

È festa granni ni la tò vanedda
Quannu t'affacci tu ca sì 'a cchiù bedda.
Si un jornu tu ci avissi t'ammancari
Ci fussi 'u luttu granni ni li cori.

Svegliati, svegliati, mia signora,
Suona il mezzogiorno e dormi ancora.
Per te sono fatti i sogni amorosi,
Per me ci sono i cattivi riposi.

Tu sei la stella della tramontana
E porti la luce nel tuo vicolo.
Perciò se non ti alzi di mattina
Il tuo vicolo resta dormiente.

Si apre piano piano la finestra
Ed ecco che appare la mia bella.
Nessun momento pare fatto apposta,
Le farfalline le fanno la scorta.

È grande festa nel tuo vicolo
Quando ti affacci tu che sei la più bella.
Se un giorno tu dovessi mancare
Ci sarebbe il grande lutto nei cuori.