Pulecinella
Flag Counter

I napoletani
famosi

Vittorio Parisi

(28.02.1892 - 12.07.1955)

Un cantante italiano.

I testi delle canzoni napoletane

ENG
ITA
RUS

Lo ciuccio de Cola


Museca: Pietro Labriola,

Vierse: Mariano Paolella.

Anno: 1859

L'asino di Nicola


Musica: Pietro Labriola,

Versi: Mariano Paolella.

Anno: 1859

Bene mio! Che disgrazia!
M'è caduto Zuccariello!
Sò perdut'io, puveriello,
Si mo muorto resta ccà.

Ah – ah – ah – ah!
Uh! Cola senza ciuccio,
Puveriello, comme fà?

Pe' pietà a me ajutate!
Sò 'no povero scasato.
Sciorta nera, che giornata,
Non poteva capità!

Ah – ah – ah – ah!
Uh! Cola senza ciuccio,
Puveriello, comme fà?

L'ajzammo mò da terra,
Tu p' 'a coda, i' p' 'a capezza.
Che festino, che priezza
Si lu veco friccecà!

Ah – ah – ah – ah!
Uh! Cola senza ciuccio,
Puveriello, comme fà?

Me portava la menestra
Che senteva de viola,
Torza ricce e pommarola
E cappuccie 'nquantità.

Ah – ah – ah – ah!
Uh! Cola senza ciuccio,
Puveriello, comme fà?

Oh, t'è sciorta! E che veco!
Accommenz'a resciatare!
Chest'è chella scapellata
Che me vole consolà.

Ah – ah – ah – ah!
Uh! Cola senza ciuccio,
Puveriello, comme fà?

Oh te te, ch'è aggraziato!
Vi', la coda tecoleja!
Ah, la vista m'addecrea,
I' me sento scunucchià.

Ah – ah – ah – ah!
Uh! Cola senza ciuccio,
Puveriello, comme fà?

Dio mio! Che disgrazia!
È caduto il mio asino Zuccariello!
Sono perduto, poverino,
Se ora muore resta qua.

Ah – ah – ah – ah!
Uh! Nicola senza l'asino,
Poverino, che fare?

Per carità, aiutatemi!
Sono un povero sfortunato.
Destino nero, giornata peggiore
Non poteva capitarmi!

Ah – ah – ah – ah!
Uh! Nicola senza l'asino,
Poverino, che fare?

Alziamolo da terra,
Tu per la coda, io per la briglia.
Che gioia, che allegria
Se vedo che si muove!

Ah – ah – ah – ah!
Uh! Nicola senza l'asino,
Poverino, che fare?

Mi portava la verdura
Che odorava di viole,
Cavolo e pomidoro
E lattuga cappuccia in quantità.

Ah – ah – ah – ah!
Uh! Nicola senza l'asino,
Poverino, che fare?

Ah, che fortuna! E che vedo!
Comincia a respirare!
Questo è il destino
Che mi vuole consolare.

Ah – ah – ah – ah!
Uh! Nicola senza l'asino,
Poverino, che fare?

Oh, che è leggiadro!
Guarda, la coda muove!
Ah, la vista mi consola,
Mi sento svenire.

Ah – ah – ah – ah!
Uh! Nicola senza l'asino,
Poverino, che fare?