Pulecinella
Flag Counter

I testi delle canzoni napoletane

ENG
ITA
RUS

Lettere stracciate


Museca: E.A. Mario,

Vierse: E.A. Mario.

Anno: 1958

Lettere stracciate


Musica: E.A. Mario,

Versi: E.A. Mario.

Anno: 1958

E scrivo e torno a scrivere,
Sò ccose triste assaje,
Ma i' nun t' 'e dico maje
Pe' nun te rattristà.

Tu nun hê 'a chiagnere
Perciò 'sti lettere
'E straccio llà pe' llà.

Ammore mio, perdoname,
Si va a fernì ca nun te scrivo cchiù.
Te voglio bbene assaje
Ma nun te voglio affliggere
Maje e po' maje.
Luntano stò ma 'o saje
Ca 'a vita mia sì tu.

Si tiene ancora 'e lettere
D' 'e tiempe mieje cchiù belle,
Lieggete ancora chelle
E torname a penzà.

Mò t'avria 'a scrivere
Pe' te fà chiagnere
E nun m' 'o fire e fà.

Ammore mio, perdoname,
Si va a fernì ca nun te scrivo cchiù.
Te voglio bbene assaje
Ma nun te voglio affliggere
Maje e po' maje.
Luntano stò ma 'o saje
Ca 'a vita mia sì tu.

E scrivo e torno a scrivere,
Sono cose tristi assai,
Ma non te le dico mai
Per non rattristarti.

Tu non devi piangere
Perciò queste lettere
Le straccio subito.

Amore mio, perdonami,
Se va a finire che non ti scrivo più.
Ti voglio bene assai
Ma non voglio affliggerti
Mai e poi mai.
Sto lontano ma lo sai
Che la mia vita sei tu.

Se hai ancora le lettere
Dei tempi miei belli,
Leggiti ancora quelle
E tornami a pensare.

Ora ti dovrei scrivere
Per farti piangere
E non ce la faccio a fare.

Amore mio, perdonami,
Se va a finire che non ti scrivo più.
Ti voglio bene assai
Ma non voglio affliggerti
Mai e poi mai.
Sto lontano ma lo sai
Che la mia vita sei tu.