Pulecinella
Flag Counter

I testi delle canzoni napoletane

ENG
ITA
RUS

Lacreme napulitane


Museca: Francesco Buongiovanni,

Vierse: Libero Bovio.

Anno: 1925

Lacrime napolitane


Musica: Francesco Buongiovanni,

Versi: Libero Bovio.

Anno: 1925

Mia cara madre,
Sta pe' trasì Natale
E a stà luntano cchiù mme sape amaro!
Comme vurria allummà dduje o ttre biancale!
Comme vurria sentì 'nu zampugnaro!
A 'e ninne mieje facitele 'o presepio
E a tavula mettite 'o piatto mio!
Facite, quann'è 'a sera d' 'a Vigilia,
Comme si 'mmiez'a vvuje stesse pur'io!

E nce ne costa lacreme 'st'America
A nuje, napulitane!
Pe' nuje ca ce chiagnimmo 'o cielo 'e Napule,
Comm'è amaro 'stu ppane!

Mia cara madre,
Che sò, che sò 'e denare?
Pe' chi se chiagne 'a Patria, nun sò niente!
Mo tengo quacche dollaro e mme pare
Ca nun sò stato maje tanto pezzente.
Mme sonno tutt' 'e nnotte 'a casa mia
E d' 'e ccriature meje ne sento 'a voce,
Ma a vuje ve sonno comm'a 'na Maria
Cu 'e spade 'mpietto, 'nnanz'ô figlio 'ncroce.

E nce ne costa lacreme 'st'America
A nuje, napulitane!
Pe' nuje ca ce chiagnimmo 'o cielo 'e Napule,
Comm'è amaro 'stu ppane!

Mm'avite scritto
Ch'Assuntulella chiamma
Chi ll'ha lassata e sta luntana ancora.
Che v'aggi' 'a dì? Si 'e figlie vonno 'a mamma,
Facitela turnà chella "signora"!
Io no, nun torno, mme ne resto fore
E resto a faticà pe' tuttuquante.
I', ch'aggio perzo patria, casa e onore,
I' sò carne 'e maciello, sò emigrante!

E nce ne costa lacreme 'st'America
A nuje, napulitane!
Pe' nuje ca ce chiagnimmo 'o cielo 'e Napule,
Comm'è amaro 'stu ppane!

Mia cara madre,
Sta per arrivare Natale
E starvi lontano è tanto amaro!
Come vorrei accendere due o tre bengala!
Come vorrei ascoltare uno zampognaro!
Ai figli miei fate il presepe
Ed a tavola mettete il mio piatto!
La sera della Vigilia fate
Come se tra voi ci fossi anch'io!

E ce ne costa lacrime quest'America
A noi, napoletani!
Per noi che piangiamo il cielo di Napoli,
Come è amaro questo pane!

Mia cara madre,
Cosa sono, cosa sono i soldi?
Per chi piange la Patria, non sono niente!
Ora ho qualche dollaro e mi sembra
Che non sono mai stato così povero.
Mi sogno tutte le notti la casa mia
E dei figli miei sento la voce,
Ma a voi vi sogno come una Maria
Con le spade in petto, davanti al figlio in croce.

E ce ne costa lacrime quest'America
A noi, napoletani!
Per noi che piangiamo il cielo di Napoli,
Come è amaro questo pane!

Mi avete scritto
Сhe la mia figlia Assuntina chiama
Chi l'ha lasciata e sta ancora lontana.
Che devo dirvi? Se i figli vogliono la mamma,
Fatela tornare quella "signora"!
Io no, non torno, resto qui
E resto a lavorare per tutti voi.
Io che ho perso patria, casa e onore,
Io sono carne da macello, sono un emigrante!

E ce ne costa lacrime quest'America
A noi, napoletani!
Per noi che piangiamo il cielo di Napoli,
Come è amaro questo pane!