Pulecinella
Flag Counter

Gli strumenti
napoletani

Il putipù

I testi delle canzoni napoletane

ENG
ITA
RUS

I' mm'arricordo 'e Napule


Museca: Giuseppe Gioè,

Vierse: Pasquale Esposito.

Anno: 1919

Io mi ricordo di Napoli


Musica: Giuseppe Gioè,

Versi: Pasquale Esposito.

Anno: 1919

I' mm'arricordo 'e Napule 'e matina,
Quanno schiarava juorno a ppoco a ppoco,
'Nu ventariello doce e 'n'aria fina,
Spuntava 'o sole 'ncielo comm' 'o foco.

'A tutt' 'e ffronne canteva auciello
E salutava a tutt' 'e nenne belle
E 'a 'nu guaglione 'mmanech' 'e cammisa
Senteva chesta voce 'e paraviso:

"Rrose, rrose de maggio,
Rrose pe' 'nnammurate,
Cu 'st'aria 'mbarzamata
Vuje dint' 'o lietto state?"

I' mm'arricordo 'e Napule 'e cuntrore,
'O sole ca cuceva 'e sentimente,
'Na coppia 'e 'nnammurate a 'na cert'ora
Se deva a Margellina appuntamento.

E lu Vesuvio visto da luntano,
'O mare ca sbatteva chiano chiano,
Mentre de' scoglie respirav' addore,
Senteva 'n'ata voce 'e cantatore:

"I' tengo 'a 'nnammurata ch'è bella
E sto geloso,
E tengo 'e persiane
Apposta pe' dischiude".

I' mm'arricordo 'e Napule 'e nuttata,
'Ncopp'a ll'onne Pusilleco addurmeva
E po' menava 'n'aria profumata,
Comm'a ll'argiento 'a luna le spanneva.

E quanno 'e chillo cielo i' mm'arricordo,
Me vene a ll'uocchie 'e llagreme 'nu velo,
Pare ca veco 'e stelle 'na curona
E sento ancora l'eco 'e 'sta canzona:

"Oje, varca lenta e stracqua,
I' penzo 'a nenna mia,
C' 'a voglio bbene ancora,
E moro 'e gelusia".

Io mi ricordo Napoli di mattina,
Quando schiariva il giorno poco a poco,
Un venticello dolce e un'aria fina,
Spuntava il sole in cielo come il fuoco.

Da tutte le foglie cantava l'uccello
E salutava tutte le ragazze belle
E da un ragazzo in maniche di camicia
Si sentiva questa voce di paradiso:

"Rose, rose di maggio,
Rose per gli innamorati,
Con quest'aria incantata
Voi dentro al letto state?"

Io mi ricordo Napoli di pomeriggio,
Il sole che scottava i sentimenti,
Una coppia di innamorati ad una certa ora
Si dava appuntamento a Mergellina*.

Ed il Vesuvio visto da lontano,
Il mare che sbatteva piano piano,
Mentre degli scogli respiravi l'odore,
Si sentiva un'altra voce di un cantatore:

"Io ho l'innamorata che è bella
E sono geloso
Ed ho le persiane
Apposta per socchiuderle".

Io mi ricordo Napoli di notte,
Sopra le onde Posillipo* dormiva
E poi ti menava un'aria profumata,
Come un manto d'argento la luna le stendeva.

E quando di quel cielo mi ricordo,
Mi viene agli occhi un velo di lacrime,
Sembra che vedo una corona di stelle
E sento ancora l'eco di questa canzone:

"Oh, barca lenta e stanca,
Io penso all'amata mia,
Che le voglio bene ancora
E muoio di gelosia".


* Mergellina e Posillipo sono i quartieri di Napoli.