Pulecinella

I testi delle canzoni napoletane

ENG
ITA
RUS

Fenesta vascia


Museca: gnoto,
(elaborata 'a Guglielmo Cottrau ô 1825),

Vierse: gnoto.

Anno: XVI seculo

Finestra bassa


Musica: ignoto,
(elaborata da Guglielmo Cottrau nel 1825),

Versi: ignoto.

Anno: XVI secolo

Fenesta vascia 'e padrona crudele,
Quanta sospire mm'haje fatto jettare!
Mm'arde 'sto core comm'a 'na cannela,
Bella, quanno te sento annommenare!

Oje piglia la sperienza de la neve!
La neve è fredda e se fa maniare.
E tu comme sì tant'aspra e crudele?
Muorto mme vide e non mme vuò ajutare?

Vorria arreventare 'no picciotto,
Co 'na langella a ghire vennenn'acqua,
Pe' mme nne jì da chiste palazzuotte:
Belle ffemmene meje! Ah! Chi vò acqua?

Se vota 'na nennella da llà 'ncoppa:
"Chi è 'sto ninno ca va vennenno acqua?"
E io responno co parole accorte:
"Sò lagreme d'ammore e non è acqua!"

Finestra bassa di padrona crudele,
Quanti sospiri mi sei costata!
Il cuore mio arde come una candela,
Bella, quando ti sento nominare!

Oh, prendi l'esempio dalla neve!
La neve è fredda e si fa maneggiare.
E tu come sei tanto aspra e crudele?
Mi vedi morire e non vuoi salvarmi?

Vorrei diventare un bambino,
Con una brocca andare a vendere acqua,
Per andarmene via da questi palazzotti:
Belle donne mie! Ah! Chi vuole acqua?

Si gira una ragazza da lì sopra:
"Chi è questo fanciullo che vende acqua?"
E io rispondo con parole accorte:
"Sono lacrime d'amore e non è acqua!"