Pulecenella

Testi delle canzoni napoletane

RussiaRUS
ItaliaITA
InghilterraENG

Fenesta che lucive


Museca: gnoto,
(trascritta 'a Guglielmo Cottrau ô 1842),

Vierze: gnoto.

Anno: XVII seculo

Finestra che splendevi


Musica: ignoto,
(trascritta da Guglielmo Cottrau nel 1842),

Versi: ignoto.

Anno: XVII secolo


Fenesta che lucive e mò non luce,
Sign'è ca nenna mia stace ammalata.
S'affaccia la sorella e me lo dice:
"Nennella toja è morta e s'è atterrata".

Chiagneva sempe ca dormeva sola,
Mò dorme co li muorte accompagnata.

"Cara sorella mia, che me dicite?
Cara sorella mia, che me contate?"
"Guardate 'ncielo si nun me credite!
Purzì li stelle stanno appassiunate.

È morta nenna vosta, ah, sì, chiagnite!
Ca quanto v'aggio ditto è beritate!

Va' nella cchiesa e scuopre lu tavuto!
Vide nennella toja comm'è tornata!"
Da chella vocca ca n'asceano sciure,
Mò n'esceno li vierme. Oh, che piatate!

Zì parrocchiano mio, abbece cura:
'Na lampa sempe tienece allummata!

Ah! Nenna mia, sì morta, puvurella!
Chill'uocchie chiuse nun l'arape maje!
Ma ancora a ll'uocchie mieje tu para bella
Ca sempe t'aggio amata e mmò cchiù assaje!

Potesse a lo mmacaro morì priesto
E mm'atterrasse a lato a tte, nennella!

Addio fenesta, restate 'nzerrata,
Ca nenna mia mò nun se pò affacciare!
Io cchiù nun passarraggio pe' 'sta strata.
Vaco a lo camposanto a passiare.

'Nzino a lo juorno ca la morte 'ngrata
Me face nenna mia ire a trovare.



Finestra che splendevi ed ora non splendi,
È segno che l'amata mia è malata.
Si affaccia la sorella e me lo dice:
"L'amata tua è morta ed è sotterrata".

Piangeva sempre che dormiva da sola,
Ora dorme in compagnia dei morti.

"Cara sorella mia, cosa mi dite?
Cara sorella mia, cosa mi raccontate?"
"Guardate in cielo se non mi credete!
Persino le stelle sono rattristate.

È morta l'amata vostra, ah, sì, piangete!
Quanto vi ho detto è la cruda verità!

Va' nella chiesa e scopri la bara!
Guarda cos'è accaduto con la tua amata!"
Da quella bocca da cui uscivano fiori,
Ora ne escono i vermi. Oh, che pietà!

Zio sacerdote mio, abbi cura di lei:
Tieni sempre una lampada accesa!

Ah! Amata mia, sei morta, poverina!
Questi occhi chiusi non li riapri mai!
Ma agli occhi miei tu sei ancora bella,
Perché t'ho sempre amata ed ora ancor di più!

Magari potessi io morire al più presto
Ed essere sotterrato accanto a te, amore!

Addio, finestra, resta chiusa,
L'amata mia ora non si può affacciare!
Io non passerò più per questa strada.
Vado al cimitero a passeggiare.

Fino al giorno che la morte ingrata
Mi farà andare a trovare l'amata mia.

tradotto da Natalia Cernega