Pulecinella
Flag Counter

Altre canzoni di
Salvatore Gambardella

'A funtanella
Furturella
Serenata a Surriento

I testi delle canzoni napoletane

ENG
ITA
RUS

'E ttrezze 'e Carulina


Museca: Salvatore Gambardella,

Vierse: Salvatore Di Giacomo.

Anno: 1895

Le trecce di Carolina


Musica: Salvatore Gambardella,

Versi: Salvatore Di Giacomo.

Anno: 1895

Oje petteno, ca piettene
'E ttrezze 'e Carulina,
Damme 'nu sfizio, scippala,
Scippala 'na matina!

E tu, specchio, addò luceno
Chill'uocchie, addò cantanno
Ride e se 'mmira, appannete,
Quanno se sta ammiranno!

Llenzole addò se stennono
'E ccarne soje gentile,
'Nfucateve, pugnitela,
Tutto 'stu mese 'abbrile!

E vuje, teste d'anepeta,
D'aruta e resedà,
Seccate 'ncopp'a ll'asteco
Faciteve truvà!

Ma 'o petteno ca pettena
'E ttrezze 'e Carulina,
È sempe 'o stesso petteno
'E tartaruga fina.

'O specchio è de Venezia
E nun ha fatto mosse,
'E llenzulelle smoveno
'N'addore 'e spicaddossa.

E manco nun mme sentono
Ll'aruta e 'a resedà.
Cchiù ampresso 'ncopp'a ll'asteco
Abbrile 'e ffa schiuppà.

E 'sti scungiure, è inutile,
Nn' 'a ponno cchiù arrevà.
Cchiù 'nfama e cchiù simpatica,
Cchiù bella assaje se fa!

Oh, pettine, che pettini
Le trecce di Carolina,
Dammi uno sfizio, strappala,
Strappala una mattina!

E tu, specchio, dove brillano
Quegli occhi, dove cantando
Ride e si specchia, appannati,
Mentre si sta specchiando!

Lenzuola su cui si stendono
Le carni sue gentili,
Infuocatevi, pungetela,
Tutto questo mese d'aprile!

E voi, vasi di gigli,
Di ruta e di resede,
Seccati sul davanzale
Fatevi trovare!

Ma il pettine che pettina
Le trecce di Carolina,
È sempre lo stesso pettine
Di pregiata tartaruga.

Lo specchio è di Venezia
E non ha fatto mosse,
Le lenzuola emanano
Un odore di lavanda.

E nemmeno non mi sentono
La ruta e la reseda.
Più presto sul davanzale
Aprile le fa sbocciare.

E questi scongiuri, è inutile,
Non la possono più raggiungere.
Più crudele e più simpatica,
Più bella assai diventa!