Pulecinella
Flag Counter

I napoletani
famosi

Cesare Andrea
Bixio

(11.10.1896 - 05.03.1978)

Un compositore italiano.

I testi delle canzoni napoletane

ENG
ITA
RUS

'E quatto giornate


Museca: Gennaro Ricci,

Vierse: Giuseppe Palumbo.

Anno: 1970

Le quattro giornate


Musica: Gennaro Ricci,

Versi: Giuseppe Palumbo.

Anno: 1970

Le Quattro giornate di Napoli (27-30 settembre 1943) furono un episodio storico di insurrezione popolare nel corso della seconda guerra mondiale tra i civili e i tedeschi in conseguenza di cui il popolo napoletano riuscì a liberare Napoli dall'occupazione delle forze armate tedesche.

Nel testo sono citati il Ponte della Sanità (uno dei quartieri di Napoli) e il Bosco di Capodimonte dove c'erano i combattimenti nel primo e secondo giorno dell'insurrezione, anche Gennarino Capuozzo, il dodicenne ragazzino, che cadde nella battaglia mentre lanciava bombe a mano contro i carri armati tedeschi. Per questo suo atto di coraggio gli fu attribuita la medaglia d'oro al valor militare (alla memoria).

"Guagliù, scappate! Scappate!
'E tedesche! 'E tedesche!"

Sento ancora ll'ecu 'e chella voce.

Tant'anne songo ca cchiù nun cammina,
Tutt' 'e ddoje ccoscie 'a guerra s'ha pigliate.
Ce dette â patria fratemo 'o destino,
Era 'e settembre d' 'o quarantatrè.

'O partiggiano
Aveva fatto pe' caccià 'o straniero.
'O partiggiano
Cu ll'ate scugnizielle d' 'o quartiere
A dodece anne senza ce penzà
Contr' 'o nemico avett' 'a sparà
Pe' salvà Napule.

'Stu frate mio camp' 'int'ê ricorde
Llè resta 'na medaglia e niente cchiù.
'O tiempo passa e chesto nun se scorda:
Quatto giornate 'e sanghe 'e giuventù.
Santa Teresa e 'o ponte a Sanità
Vestette 'e lutto tutta 'sta città.

'O partiggiano
Ha dato â patria 'o core, vita e 'ammore
Pe' fà salvà 'a bandiera tricolore.

Scennevа 'a Capemonte 'na matina,
Purtava arret' 'e spalle 'a tasca 'a ppane,
Teneva dint'a tante bombe a mmano,
Salvaje 'ntiempo 'o ponte a Sanità.

Chesta canzona è 'na paggina
'E la storia 'e Napule,
Paggina scritta cu sanghe
E llacreme tant'anne fa.
Tutte ll'uommene d' 'o munno
Se l'avesseno 'a ricurdà ca
Simmo tutt' 'e frate
Pе' scungiurà ll'ati pericule
Che minacciano ll'umanità.

'O partiggiano
Ha dato â patria 'o core, vita e 'ammore
Pe' fà salvà 'a bandiera tricolore.

"Ragazzi, scappate! Scappate!
I tedeschi! I tedeschi!"

Sento ancora l'eco di quella voce.

Sono tanti anni che non cammina più,
La guerra le gambe gli ha tolto.
E diede alla patria mio fratello il destino,
Era di settembre del quarantatre.

Il partigiano
Aveva fatto per cacciare lo straniero.
Il partigiano
Con gli altri scugnizzi del quartiere
A dodici anni senza pensarci
Contro il nemico dovette sparare
Per salvare Napoli.

Questo fratello mio vive di ricordi,
Gli resta una medaglia e niente più.
ll tempo passa e questo non lo dimentica:
Quattro giornate di sangue di gioventù.
Via Santa Teresa e il ponte della Sanità
Vestì di lutto tutta questa città.

Il partigiano
Ha dato alla partia il cuore, vita e l'amore
Per salvare la bandiera tricolore.

Scendeva da Capodimonte una mattina,
Portava sulle spalle un sacco di tela,
Teneva dentro tante bombe a mano,
Salvò in tempo il ponte della Sanità.

Questa canzone è una pagina
Della storia di Napoli,
Pagina scritta con sangue
E lacrime tanti anni fa.
Tutti gli uomini del mondo
Dovrebbero ricordare che
Siamo tutti i fratelli
Per scongiurare gli altri pericoli
Che minacciano l'umanità.

Il partigiano
Ha dato alla partia il cuore, vita e l'amore
Per salvare la bandiera tricolore.