Pulecinella
Flag Counter

I testi delle canzoni napoletane

ENG
ITA
RUS

'E bbuscie


Museca: Nicola Valente,

Vierse: Francesco Fiore.

Anno: 1935

Le bugie


Musica: Nicola Valente,

Versi: Francesco Fiore.

Anno: 1935

Ma pecché, ma pecché nun mme guarde?
Ch'è succieso? 'O pputimmo sapè?
Sò venuto 'nu poco cchiù tarde
E va buò mo te spiego 'o ppecché:
Sono stato un momento add' 'o sarto.
Sò busciardo? Busciardo e maligno?
E dimane 'o vestito mm' 'o 'ncigno
Accussì tu mme cride, Cuncè!

Nun mme chiammà busciardo, bella mia,
Pecché mme piglio collera e nun sta!
È overo, i' dico spisso 'na buscia,
Ma ê vvote dico pure 'a verità!

Mm'hanno visto passà 'ncarruzzella
Cu 'na donna vestita marrò?
Biundulella? Truccata? Un po' snella?
Sissignore... e chi dice ca No?
Ma, Cuncè, se non senti 'a ragione,
Tu non devi tremmà 'e gelusia!
Quella lì, non la sai? È zizia,
'Na sorella cugina 'e mammà.

Nun mme chiammà busciardo, bella mia,
Pecché mme piglio collera e nun sta!
È overo, i' dico spisso 'na buscia,
Ma ê vvote dico pure 'a verità!

E mo dimme, quel tale studente
Ca te vene ogne tanto a truvà,
Quello lì, che cos'è, t'è parente?
Ho capito: è nipote a papà!
E chist'ato ch'affaccia 'e rimpetto
E ti guarda e ti fa l'occhiolino?
Pure chisto, Cuncè, t'è cugino?
Ho capito: è nipote a mammà!

Nun mme chiammà busciardo, bella mia,
Pecché mme piglio collera e nun sta!
È overo, i' dico spisso 'na buscia,
Ma tu nun dice maje 'na verità!

Ma perché, ma perché non mi guardi?
Ch'è successo? Lo possiamo sapere?
Sono arrivato un po' più tardi
E va bene ora ti spiego il perché:
Sono stato un momento al sarto.
Sono bugiardo? Bugiardo e maligno?
E domani il vestito me lo metto
Così tu mi credi, Concetta!

Non chiamarmi bugiardo, bella mia,
Perché mi offendo e non è bello!
È vero, dico spesso una bugia,
Ma a volte dico anche la verità!

Mi hanno visto passare in carrozzella
Con una donna vestita di marrone?
Biondina? Truccata? Un po' snella?
Sì... e chi dice di No?
Ma, Concetta, se non senti la ragione,
Tu non devi tremare di gelosia!
Quella lì, non la conosci? È la zia,
Una cugina di mamma.

Non chiamarmi bugiardo, bella mia,
Perché mi offendo e non è bello!
È vero, dico spesso una bugia,
Ma a volte dico anche la verità!

Ed ora dimmi, quel tale studente
Che ti viene ogni tanto a trovare.
Quello lì, che cos'è, ti è parente?
Ho capito: è un nipote di papà!
E quest'altro che affaccia di fronte
E ti guarda e ti fa l'occhiolino?
Pure questo, Concetta, ti è cugino?
Ho capito: è un nipote di mamma!

Non chiamarmi bugiardo, bella mia,
Perché mi offendo e non è bello!
È vero, dico spesso una bugia,
Ma tu non dici mai la verità!