Pulecenella
Flag Counter

Testi delle canzoni napoletane

RussiaRUS
ItaliaITA
InghilterraENG

Cose passate


Museca: Vincenzo D'Annibale,

Vierze: Amore Giovannetti.

Anno: 1912

Cose passate


Musica: Vincenzo D'Annibale,

Versi: Amore Giovannetti.

Anno: 1912

Versione strumentale


Vase scurdate a mille, sott' 'e piante,
È quase 'n'anno, e nun sò muorte ancora.
Tornace tu, cu 'sta faccella 'e sante,
E sentarraje ca chiagneno pe' tte.

Sò vase ca t'aspettano,
Vase ca t'aggi' 'a dà.
Sò vase ca si vasano,
Ritornano a vasà.

Suspire suspirate dint' ô viento
E 'nziem' ô viento sperze 'mmiez' ô mare,
E 'a 'mmiez' ô mare saglieno 'e turmiente
E 'sti turmiente soffrono pe' tte.

Songh' 'e suspire 'e ll'anema,
Suspire 'e giuventù.
Suspire ca suspirano
Pecché suspire tu.

Carezze 'e fuoco date a mille a mille
'Ncopp'a 'sta faccia 'e marmo ca tu tiene,
'E morte 'mmiez' ô nniro 'e 'sti capille
Comm'a 'na cosa c'avarria murì.

Songo carezze tremmole,
Carezze 'e schiavitù.
Carezze c'accarezzano
'Nu suonno e niente cchiù.



Baci dimenticati a mille, sotto le piante,
È quasi un anno e non sono morte ancora.
Tornaci tu, con questo visino di santa,
E sentirai che piangono per te.

Sono baci che ti aspettano,
Sono baci che ti devo dare.
Sono baci che se baciano,
Ritornano a baciare.

Sospiri sospirati dentro al vento
E in mezzo al vento dispersi in mezzo al mare,
E da mezzo al mare salgono i tormenti
E questi tormenti soffrono per te.

Sono sospiri dell'anima,
Sospiri di gioventù.
Sospiri che sospirano
Perché sospiri tu.

Carezze di fuoco date a mille a mille
Su questa faccia di marmo che tu tieni,
Faccia di morte in mezzo al nero di questi capelli
Come una cosa che dovrà morire.

Sono carezze tremanti,
Carezze di schiavitù.
Carezze che accarezzano
Un sogno e nulla più.

tradotto da Natalia Cernega