Pulecinella
Flag Counter

I testi delle canzoni napoletane

ENG
ITA
RUS

Chi se nne scorda cchiù?


Museca: Richard Barthelemy,

Vierse: Roberto Marvasi.

Anno: 1895

Chi dimentica più?


Musica: Richard Barthelemy,

Versi: Roberto Marvasi.

Anno: 1895

Un ringraziamento codriale al sito www.magomaev.info per il brano.

Chi se nne scorda cchiù de chella sera?
Senza 'nu sciore chella trezza nera,
Senza 'n'aniello chella mano 'e cera.
Core che abbruce cchiù de 'na vrasera,
Addò vaje? Sott' 'a bannera
De Rusina a spantecà?

Core, uh, quante fantasie:
Una vene e 'n'auta va:
Vì, che ppoco 'e bbene 'e Ddie
Dint'a chella scurità!

E dint'a notte scura te chiamaje
E tu veniste e 'o core te tremmaje.
"Pecché tu triemme?" Diciste: "Penz' ô guaje
Ca me succede si me lassarraje!"
Io risponne: " 'Na voglia maje,
Rusinè, nun dubità!"

Core, uh, quante fantasie:
Una vene e 'n'auta va:
Vì, che ppoco 'e bbene 'e Ddie
Dint'a chella scurità!

Che succerette? E chi ne sape niente?
Saccio ca mò m'hê fatto 'o trarimento
E 'o core tujo ll'hê dato a 'nu tenente
Ma nun me 'mporta: 'a ronna è comm' 'o viento!
T'accarezza e te turmenta,
Te traresce e se ne va!

Core, uh, quante fantasie:
Una vene e 'n'auta va:
Vì, che ppoco 'e bbene 'e Ddie
Dint'a chella scurità!

Chi dimentica più quella sera?
Quella treccia nera senza un fiore,
Quella mano bianca senza un anello.
Cuore che bruci più di un braciere,
Dove vai? Sotto la finestra
Di Rosina a soffrire?

Cuore, uh, quante fantasie:
Una viene e un'altra va:
Guarda, quanto ben di Dio
In quella oscurità!

E nella notte scura ti chiamai
E tu venisti e il cuore ti tremava.
"Perché tu tremi?" Dicesti: "Penso al guaio
Che mi succederebbe se tu mi lasciassi!"
Io risposi: "Non sia mai,
Rosina, non dubitare!"

Cuore, uh, quante fantasie:
Una viene e un'altra va:
Guarda, quanto ben di Dio
In quella oscurità!

Che successe? E chi ne sa niente?
So solo io che mi hai tradito
E il tuo cuore l'hai dato ad un tenente
Ma non me ne importa: la donna è come il vento!
Ti accarezza e ti tormenta,
Ti tradisce e se ne va!

Cuore, uh, quante fantasie:
Una viene e un'altra va:
Guarda, quanto ben di Dio
In quella oscurità!