Pulecinella

I testi delle canzoni napoletane

ENG
ITA
RUS

Catarì


Museca: Mario Pasquale Costa,

Vierse: Salvatore Di Giacomo.

Anno: 1892

Caterina


Musica: Mario Pasquale Costa,

Versi: Salvatore Di Giacomo.

Anno: 1892

Marzo: 'nu poco chiove
E 'n'atu ppoco stracqua.
Torna a chiovere, schiove,
Ride 'o sole cu ll'acqua.

Mo 'nu cielo celeste,
Mo 'n'aria cupa e nera.
Mo, d' 'o vierno, 'e ttempeste,
Mo 'n'aria 'e primmavera.

Marzo: 'nu poco chiove
E 'n'atu ppoco stracqua.

'N'auciello freddigliuso
Aspetta ch'esce 'o sole.
'Ncopp' 'o tturreno 'nfuso
Suspirano 'e vviole.

Catarì, che vuò cchiù?
'Ntienneme, core mio!
Marzo, tu 'o ssaje, sì tu
E 'st'auciello songh'io.

Marzo: 'nu poco chiove
E 'n'atu ppoco stracqua.

Marzo: un poco piove
Ed un poco cessa.
Torna a piovere, spiove,
Ride il sole con l'acqua.

Ora un cielo celeste,
Ora un'aria cupa e nera.
Ora, dell'inverno, le tempeste,
Ora un'aria di primavera.

Marzo: un poco piove
Ed un poco cessa.

Un uccello freddoloso
Aspetta che esca il sole.
Sul terreno bagnato
Sospirano le viole.

Caterina, che vuoi di più?
Capiscimi, cuore mio!
Marzo, tu lo sai, sei tu
E quest'uccello sono io.

Marzo: un poco piove
Ed un poco cessa.