Pulecinella
Flag Counter

I napoletani
famosi

Carlo Giuffrè

(03.12.1928)

Un attore italiano di cinema e teatro, noto anche per il suo sodalizio artistico con il fratello Aldo.

I testi delle canzoni napoletane

ENG
ITA
RUS

Carmela 'e San Sivero


Museca: Eduardo Di Capua,

Vierse: Giovanni Capurro.

Anno: 1894

Carmela di San Severo


Musica: Eduardo Di Capua,

Versi: Giovanni Capurro.

Anno: 1894

T'aggio vista pe' 'mmiezo Tuleto
Cu 'a nutriccia e 'o piccerillo;
'O cchiù grousso cujeto cujeto
Cammenava affianco a te.
Stive bona cu 'a giacca 'e velluto,
C' 'o cappiello 'e 'mmaretata,
Cchiù simpatica t'aggio truvata,
Ma t'avria ditto accussì:

"Carmè, suonno 'e 'stu core,
Suonno d' 'a Sanità,
Dimme, addò sta cchiù ammore
'E chilli tiempe llà?
Sì ancora bella, è overo,
Ma che te voglio dì?
Carmela 'e San Sivero,
Carmela mia nun sì!"

T'arricuorde? Mo fanno cinc'anne,
Steva 'a festa e se cantava;
Io sunavo, e sunanno sunanno,
Ce capettemo, Carmè.
Chella sera tenive 'na rosa
E 'nu crespo pe' scialletto;
Cu che grazia luvannela 'a pietto,
Chella rosa 'a diste a me.

Carmè, suonno 'e 'stu core,
Suonno d' 'a Sanità,
Dimme, addò sta cchiù ammore
'E chilli tiempe llà?
Sì ancora bella, è overo,
Ma che te voglio dì?
Carmela 'e San Sivero,
Carmela mia nun sì!

Mo sì ricca e mugliera 'e 'nu conte,
Ma 'stu core avria 'a sapè:
Quanta vvote, Carmè, sott' 'o Ponte,
Tu chiagniste 'mpietto a me!
E dincello ca 'mponta a 'sta vocca
Trova ancora 'o sciato mio,
Trova 'e vase ca t'aggio dat'io
Ca vulessene parlà!

Carmè, suonno 'e 'stu core,
Suonno d' 'a Sanità,
Dimme, addò sta cchiù ammore
'E chilli tiempe llà?
Sì ancora bella, è overo,
Ma che te voglio dì?
Carmela 'e San Sivero,
Carmela mia nun sì!

Ti ho vista in mezzo a via Toledo
Con la nutrice e il bambino;
Il grassone molto calmo
Camminava accanto a te.
Eri elegante con la giacca di velluto,
Col cappello di sposata,
Più simpatica ti ho trovata
Ma ti avrei detto così:

"Carmela, sonno del mio cuore,
Sonno della Sanità*,
Dimmi, dov'è forte amore
Di quei tempi passati?
Sei ancora bella, è vero,
Ma che voglio dirti?
Carmela di San Severo,
Mia Carmela non sei!"

Ti ricordi? Ora già cinque anni,
C'era la festa e si cantava;
Io suonavo e suonando
Ci incontrammo, Carmela.
Quella sera avevi una rosa
E lo scialle di crespo;
Con che grazia levandola da petto,
Quella rosa la desti a me.

Carmela, sonno del mio cuore,
Sonno della Sanità,
Dimmi, dov'è forte amore
Di quei tempi passati?
Sei ancora bella, è vero,
Ma che voglio dirti?
Carmela di San Severo,
Mia Carmela non sei!

Ora sei ricca e moglie di un conte,
Ma questo cuore dovrebbe sapere:
Quante volte, Carmela, sotto il Ponte,
Tu piangesti in petto a me!
E diglielo che in punta a questa bocca
Trova ancora il fiato mio,
Trova i baci che ti ho dato io
Che vorrebbero parlare!

Carmela, sonno del mio cuore,
Sonno della Sanità,
Dimmi, dov'è forte amore
Di quei tempi passati?
Sei ancora bella, è vero,
Ma che voglio dirti?
Carmela di San Severo,
Mia Carmela non sei!


* Sanità è uno dei rioni di Napoli.