Pulecenella
Flag Counter

Napoletani
famosi

Cesare Andrea
Bixio

(11.10.1896 - 05.03.1978)

Un compositore italiano.

Testi delle canzoni napoletane

RussiaRUS
ItaliaITA
InghilterraENG

Canzuncella p' 'e furastiere


Museca: Rodolfo Falvo,

Vierze: Gigi Pisano.

Anno: 1925

Canzonetta per i forestieri


Musica: Rodolfo Falvo,

Versi: Gigi Pisano.

Anno: 1925


Quanno a Napule sponta 'a luna,
Pare overo 'nu riflettore.
Ccà se 'ncantano 'e furastiere,
Nun se ponno capacità.

'O Francese, sfrancesianno,
Dice 'nfaccia a 'na Miss inglese:
"Questa luna non è francese,
Questa è luna napolitan".

No, furastiero, chest'è 'a stessa luna
Ca guarda 'a sera Londra e Margellina,
Ma llà nisciuno canta pe' nisciuna
E ccà pustegge, ammore e 'sta marina.

E 'a luna vò sapè,
Vò sentere e vedè,
Pe' chesto ride e luce
Comm'a cchè.

Me diceva 'n'Americano,
Ll'atu juorno, guardanno 'o mare:
"Molto bello, quanti colori!
In America non così.

Anche pesce molto odoroso,
Più movibile, più squisito.
Se toccare con solo un dito,
Io vedere freccechià".

Americano mio, siete in errore!
'Stu mare è tale e quale a tutt' 'e mare.
È il cielo azzurro che gli dà colore
Quando, nell'acqua sua, si va a mirare.

Mussiù, v' 'assicur'i'
C' 'o fatto va accussì!
Currite â casa
E ghiatencello a dì!

Furastiero c' 'a primma vota
Viene a Napule pe' capriccio,
Tte ne parte cu 'o rrusso 'nfaccia
È 'o proposito 'e riturnà.

Nun fa niente ca vaje dicenno
Ch'è 'o paese d' 'e vermicielle,
Ma 'sta luna cu tanta stelle,
Ma 'stu mare, chi t' 'o pò dà?

Nuje, furastiero mio, chesto tenimmo:
'O mare e 'o cielo bello c'avantammo
E 'o core ca, si troppo 'o 'ntennerimmo,
Fernesce ca tu 'o cirche e nuje t' 'o dammo!

Pirciò tu tuorne ccà,
Pe' chesti nnuvità
Che, a 'n'atu pizzo,
Nun 'e ppuò truvà.



Quando a Napoli spunta la luna,
Sembra davvero un riflettore.
Qua s'incantano i forestieri,
Non possono capacitarsi.

Il francese, sfrancesando,
Dice ad una Miss inglese:
"Questa luna non è francese,
Questa è luna napolitan".

No, forestiero, questa è la stessa luna
Che guarda a sera Londra e Mergellina*,
Ma là nessuno canta per nessuna
E qui canzoni, amore e questa marina.

E la luna vuole sapere,
Vuole sentire e vedere,
Per questo ride e splende
Così tanto.

Mi diceva un Americano,
L'altro giorno, guardando il mare:
"Molto bello, quanti colori!
In America non così.

Anche pesce molto odoroso,
Più movibile, più squisito.
Se toccare con solo un dito,
Io vedere friccicare".

Americano mio, siete in errore!
Questo mare è uguale a tutti i mari.
È il cielo azzurro che gli dà colore
Quando, nell'acqua sua, si va a mirare.

Signor, vi assicuro io,
Che la cosa va così!
Correte a casa
E andatelo a riferire!

Forestiero che la prima volta
Vieni a Napoli per capriccio,
Parti con la faccia rossa**
È il proposito di ritornare.

Non fa niente che vai dicendo
Che è il paese dei vermicelli,
Ma questa luna con tante stelle,
Ma questo mare, chi te lo può dare?

Noi, forestiero mio, questo abbiamo:
Il mare e il cielo bello che vantiamo
E il cuore che, se lo inteneriamo troppo,
Finisce che tu lo cerchi e noi te lo diamo!

Perciò tu torni qua,
Per queste novità
Che, in un altro posto,
Non le puoi trovare.

tradotto da Natalia Cernega

* Mergellina è un quartiere di Napoli,
** si dice: parti essendo scontento, arrabbiato.