Pulecenella

Testi delle canzoni napoletane

RussiaRUS
ItaliaITA
InghilterraENG

Canzona appassiunata


Museca: E.A. Mario,

Vierse: E.A. Mario.

Anno: 1922

Canzone appassionata


Musica: E.A. Mario,

Versi: E.A. Mario.

Anno: 1922


'N'albero piccerillo aggio piantato,
Criscennolo cu pena e cu sudore.
'Na ventecata già me ll'ha spezzato
E tutt' 'e ffronne cagnano culore.
Cadute sò già 'e frutte. E tuttequante
Erano doce, e se sò fatte amare.
Ma 'o core dice: "Oje giuvinotto amante,
'E ccose amare tienele cchiù care!"

E amara comme sì!
Te voglio bbene,
Te voglio bbene
E tu me faje murì!

Era comm' ô canario 'nnammurato
'Stu core che cantaje matina e sera.
"Scetate!" – io dico – e nun vò stà scetato.
E mò nun canta manco a primmavera.
Chi voglio bbene nun me fa felice;
Forse sta 'ncielo destinato e scritto.
Ma i' penzo ca 'nu ditto antico ddice:
"Nun se cummanna a 'o core!" E i' mme stò zitto.

E mme stò zitto, sì.
Te voglio bbene,
Te voglio bbene
E tu me faje murì!

Chiagno p'ammore, e cade 'o chianto mio
Dint'a 'sta testa: 'o chianto 'a sta arracquanno.
Schioppa 'na bella rosa e i', pe' gulio,
A chi m'ha fatto chiagnere nce 'a manno.
Lle dico: "Rosa mia, tu me perduone
Si te scarpesarrà senza cuscienza.
Ce sta 'nu ditto ca ce dà raggione:
"Fa' bbene e scorda,
E, si faje mmale, penza!"

Penzace buono, sì;
Te voglio bbene,
Te voglio bbene
E tu me faje murì!



Un albero piccolo ho piantato,
Crescendolo con pena e con sudore.
Una ventata già me l'ha spezzato
E tutte le foglie cambiano colore.
Sono già caduti tutti i frutti. E tutti loro
Erano dolci, e sono diventati amari.
Ma il cuore dice: "Oh giovanotto amante,
Le cose amare tienile più care!"

E amara come sei!
Ti voglio bene,
Ti voglio bene
E tu mi fai morire!

Era come un canarino innamorato
Questo cuore che cantava mattina e sera.
"Svegliati!" – io dico – e non vuole svegliarsi.
Ed ora non canta nemmeno a primavera.
Chi voglio bene non mi fa felice;
Forse in cielo è destinato e scritto.
Ma io penso che un detto antico dice:
"Non si comanda al cuore!" E io sto zitto.

E sto zitto, sì.
Ti voglio bene,
Ti voglio bene
E tu mi fai morire!

Piango per amore, e cade il pianto mio
In questo vaso: il pianto lo sta innaffiando.
Sboccia una bella rosa e io, per sfizio,
A chi mi ha fatto piangere la mando.
Le dico: "Rosa mia, perdonami
Se ti calpesterà senza coscienza.
C'è un detto che mi dà ragione:
"Fai del bene e scordatelo,
E, se fai del male, pensaci!"

Pensaci bene, sì;
Ti voglio bene,
Ti voglio bene
E tu mi fai morire!

tradotto da Natalia Cernega