Pulecinella
Flag Counter

I testi delle canzoni napoletane

ENG
ITA
RUS

Brinneso


Museca: Nicola Valente,

Vierse: Libero Bovio.

Anno: 1922

Brindisi


Musica: Nicola Valente,

Versi: Libero Bovio.

Anno: 1922

Brinneso alla salute
Dell'amirosa mia ca s'è sposata!
'E ccummarelle meje, ca nce sò ghiute,
Diceno che pareva una popata.
Ed indi poi noi li facciamo un brinneso
Alla per noi difunda donna amata.

Vino, vinello,
Se per la donna il masculo è un trastullo,
Io ho stato l'Allirchino e il Purginello.
Mo rido e abballo
E mme ne frocolejo della mia bella,
Ché a queste scemità nci ho fatto il callo!

Col calicio levato,
Mme conto tutt' 'e llacreme chiagnute
Per te, dorge ed indegno oggetto amato,
Ca t'hê pigliato giuventù e salute.
Vevite, amice: chisto è vino 'e Proceta,
'N'atu bicchiere e nce ne simmo jute!

Vino sincero,
Ho detto al cuoro, al povero mio cuoro:
Chiagne pe' cunto tujo, ca i' mo stò allero!
Perché, a chest'ora,
Mentre tu faje ll'Otello e ti disperi,
Forse la signorina è già signora!

Mo ca stò frasturnato,
Nun mme lassate sulo 'mmiez'â via!
V'aggio fatto spassà, mi ho dispendiato.
Mo purtateme â casa 'e mamma mia!
E alla mia vecchia, vuje ll'avit' 'a dicere:
"Questa crapa è tuo figlio!" E accussì sia!

Vinello puro,
Mentre gli sposi stanno cuoro a cuoro,
Che scherzo appresentarse dint' 'o scuro!
E alla signora
Io lle direbbe: "Nun avè appaura!
Io sono un morto che cammina ancora".

Brindisi alla salute
Dell'amorosa mia che si è sposata!
Le amichette mie, che ci sono andate,
Dicono che sembrava una bambola.
E quindi poi noi li facciamo un brindisi
Alla per noi defunta donna amata.

Vino, vinello,
Se per la donna l'uomo è un trastullo,
Io sono stato l'Arlecchino ed il Pulcinella.
Ora rido e ballo
E me ne frego della mia bella,
Perché a queste scemate ci ho fatto il callo!

Col calice levato,
Io conto tutte le mie lacrime versate
Per te, dolce e indegno oggetto amato,
Che ti hai preso gioventù e salute.
Bevete, amici: questo è vino di Procida,
Un altro bicchiere e ce ne siamo andati!

Vino sincero,
Ho detto al cuore, al povero mio cuore:
Piangi per conto tuo, che io ora sono allegro!
Perché, a quest'ora,
Mentre tu fai l'Otello e ti disperi,
Forse la signorina è già signora!

Ora che sono frastornato,
Non mi lasciate solo in mezzo alla strada!
Vi ho fatti spassare, ho speso.
Ora portatemi alla casa di mia mamma!
E alla mia vecchia, voi dovete dire:
"Questa capra è tuo figlio!" E così sia!

Vinello puro,
Mentre gli sposi stanno cuore a cuore,
Che scherzo comparire al buio!
Ed alla signora
Io le direi: "Non aver paura!
Io sono un morto che cammina ancora".