Pulecenella
Flag Counter

Napoletani
famosi

Elvira Donnarumma

(18.03.1883 - 22.05.1933)

Una cantante italiana.

Testi delle canzoni napoletane

RussiaRUS
ItaliaITA
InghilterraENG

'Albergo 'e ll'Allegria


Museca: Salvatore Gambardella,

Vierze: Giuseppe Irace.

Anno: 1907

L'Albergo dell'Allegria


Musica: Salvatore Gambardella,

Versi: Giuseppe Irace.

Anno: 1907


Carulì, bona furtuna,
T'hê 'ngignato 'n'ata vesta!
E 'sta toppa a mmezaluna,
Chi t'ha fatto, oje Carulì?

E vabbuono, s'è capito:
Nce starrà 'n'atu francese…
Ma nun sape ca 'sti spese
Sò perdute 'ncuoll'a te?

Sient' a mme, bellezza mia,
Chistu core ca tu tiene
Pare 'Albergo 'e ll'Allegria;
Uno vene… e 'n'ato va.
E chist'uocchie belle e chiare,
Ca sò dduje repassature,
Fanno ll'arte d' 'e sanzare
Passaggiere p'acchiappà.

Tu nun tiene 'na bellezza,
Songo 'e tratte ca tu tiene
Ca cient'uommene 'int' â rezza
Sì capace d'acchiappà.

Hê lassato 'o farenaro,
Hê 'nchiantato 'o canteniere,
Hê traruto 'o salumiere,
'O barbiere manc' 'o vuò?

Sient' a mme, bellezza mia,
Chistu core ca tu tiene
Pare 'Albergo 'e ll'Allegria;
Uno vene… e 'n'ato va.
E chist'uocchie belle e chiare,
Ca sò dduje repassature,
Fanno ll'arte d' 'e sanzare
Passaggiere p'acchiappà.

Carulì, tu te credive
Ca cu cchiacchiere e cu ciance
Dint' ô sacco me mettive,
'Nziem'a ll'ate, pure a mme?

Ogge, 'a femmena è 'o mellone,
Nun se piglia senza prova;
Comme, 'nfatte, quann' 'a trova,
Core e fede addà mmustà!

Sient' a mme, bellezza mia,
Chistu core ca tu tiene
Pare 'Albergo 'e ll'Allegria;
Uno vene… e 'n'ato va.
E chist'uocchie belle e chiare,
Ca sò dduje repassature,
Fanno ll'arte d' 'e sanzare
Passaggiere p'acchiappà.



Carolina, buona fortuna,
Hai incignato un altro vestito!
E questa toppa a mezzaluna,
Chi te l'ha fatta, oh Carolina?

E va bene, si è capito:
Ci sarà un altro francese…
Ma non sa che queste spese
Sono perse addosso a te?

Senti a me, bellezza mia,
Questo cuore che tu hai
Sembra l'Albergo dell'Allegria;
Uno viene… e un altro va.
E questi occhi belli e chiari,
Che sono due ingannatori,
Fanno l'arte dei sensali,
Passeggieri per acchiappare.

Tu non hai una bellezza,
Sono i tratti che tu hai
Che cento uomini dentro alla rete
Sei capace di acchiappare.

Hai lasciato il fornaio,
Hai piantato il vinaio,
Hai tradito il salumiere,
Il barbiere neanche lo vuoi?

Senti a me, bellezza mia,
Questo cuore che tu hai
Sembra l'Albergo dell'Allegria;
Uno viene… e un altro va.
E questi occhi belli e chiari,
Che sono due ingannatori,
Fanno l'arte dei sensali,
Passeggieri per acchiappare.

Carolina, tu credevi
Che con le chiacchiere e le moine,
Nel sacco mi mettevi,
In mezzo agli altri, anche a me?

Oggi la donna è come un cocomero,
Non si prende senza prova;
Come, infatti, quando la trova,
Cuore e fedeltà deve mostrare!

Senti a me, bellezza mia,
Questo cuore che tu hai
Sembra l'Albergo dell'Allegria;
Uno viene… e un altro va.
E questi occhi belli e chiari,
Che sono due ingannatori,
Fanno l'arte dei sensali,
Passeggieri per acchiappare.

tradotto da Natalia Cernega