Pulecinella
Flag Counter

Gli strumenti
napoletani

La ciaramella

I testi delle canzoni napoletane

ENG
ITA
RUS

'A testa aruta


Museca: Mario Festa,

Vierse: Alberto Berri.

Anno: 1962

Il vaso di ruta


Musica: Mario Festa,

Versi: Alberto Berri.

Anno: 1962

Bella figliola, bella figliò,
I' vengo 'a testa aruta e 'a malvarosa.

'Na sera pe' Pusilleco saglievo,
Jeve vennenne ll'evere addirose,
Mme chiamma 'na figliola vruccolosa:
"Saglite, giuvinò, 'ncopp'a 'sta casa!
Vuje che vennite?" "I' veng' 'a malvarosa,
Garuofene schiavune, erv'addirose".
" 'Nu tiempo i' vulevo 'a testa aruta".
"Me ne rispiace, i' mo l'aggio vennuta".

"L'ite vennute… e chi se l'à accatata?"
" 'Nu giovane 'e barbiere ammartenate,
È stato pe' 'na femmena traduto,
E mmo s' 'a vò scurdà, vò bbene a 'n'ata!
Bella figliola, Vuje pecché chiagnite?
'St'uocchie lucente 'e llacreme tenite…
Comme site simpatica e cianciosa,
For'a 'stu barcunciello a suspirà!"

" 'Nu tiempo i' vulev' 'a testa aruta".
"I' tengo 'n'erba ch'è miraculosa
Ma nun 'a vengo a llire, 'a veng' a vase".
"I' sò figliola e nun faccio 'sti ccose!"
" 'E vase nun sò ccose scandaluse,
Mamma se vase 'e figlie, spose 'e spuse.
E Vuje che site bella cchiù 'e 'na rosa,
Adda murì 'o barbiere e chi s' 'o sposa!"

Aggiu vinciuto 'o punto e sò cuntente.
A chi me giova nun diverto maje,
Te veco quacche vvote comm' 'o viente,
Cchiù t'alluntane e cchiù te voglio bbene.

Cu 'st'uocchie 'e sentimento niri niri,
For'a 'stu barcunciello a suspirà.

Bella ragazza, bella ragazza,
Io vendo il vaso di ruta e la malva.

Una sera me ne andavo per Posillipo*
A vendere le erbe odorose,
Mi chiama una ragazza prosperosa:
"Salite, giovane, in questa casa!
Voi cosa vendete?" "Vendo la malva,
Garofani chabaud, erbe odorose".
"Da tempo volevo il vaso di ruta".
"Mi dispiace, ma ora l'ho venduta".

"L'avete venduta… e chi se l'ha comprata?"
"Un giovane di barbiere azzimato,
È stato tradito dalla donna
La vuole dimenticar, ama un'altra!
Bella ragazza, Voi perché piangete?
Avete lacrime in questi occhi lucenti…
Come siete simpatica e piacente,
Voi state sul balcone a sospirare!"

"Da tempo volevo il vaso di ruta".
"Ho un'altra erba miracolosa,
Ma non la vendo a lire, vendo a baci".
"Sono ragazza e non faccio queste cose!"
"I baci non sono le cose scandalose,
Mamma bacia i figli, la sposa lo sposo.
E Voi che siete più bella di una rosa,
Possa morire il barbiere e chi lo sposa!"

Ho vinto il punto e sono contento.
Non inganno mai chi mi piace,
Ti vedo qualche volte per istante,
Più lontano stai e più ti voglio bene.

Con questi neri occhi appassionati,
Tu stai sul balcone a sospirare.


* Posillipo è un quartiere di Napoli.