Pulecinella
Flag Counter

Gli strumenti
napoletani

La ciaramella

I testi delle canzoni napoletane

ENG
ITA
RUS

'A serenata 'e Pulecenella


Museca: Enrico Cannio,

Vierse: Libero Bovio.

Anno: 1916

La serenata di Pulcinella


Musica: Enrico Cannio,

Versi: Libero Bovio.

Anno: 1916

Pulcinella è una maschera napoletana della commedia dell'arte.

E stò aspettanno cu 'stu mandulino
Ll'ora che, 'a cielo, se ne trase 'a luna.
Mme sò nascosto dint'a 'nu ciardino,
Pe' nun 'o ffà assapè
Ca sò semp'io ca cerco scusa a te.

Te voglio tantu bbene.
Te voglio tantu bbene.
T' 'o ddico zittu, zittu,
Zittu, zitto,
Ca, si allucco, 'a gente
Ca nun sape niente,
Pò sentì:
"Te voglio bbene".

Mme metto scuorno 'e fà sapè a ll'amice
Ca tinco tinco torno e faccio pace.
Si 'appura 'a gente, Napule che dice?
Ca mm' 'e vvoglio fà fà
Sott'a chist'uocchie cierti 'nfamità?!

Te voglio tantu bbene.
Te voglio tantu bbene.
T' 'o ddico zittu, zittu,
Zittu, zitto,
Ca, si allucco, 'a gente
Ca nun sape niente,
Pò sentì:
"Te voglio bbene".

'Na vota ero 'o cchiù guappo 'e ll'Arenella,
Tenevo 'nnammurate a mille a mille,
E mo mme faje chiammà Pulecenella.
Ma tu ce pienze o no,
Ch'ero 'nu guappo, guappo overo? E mo…

Te voglio tantu bbene.
Te voglio tantu bbene.
T' 'o ddico zittu, zittu,
Zittu, zitto,
Ca, si allucco, 'a gente
Ca nun sape niente,
Pò sentì:
"Te voglio bbene".

E sto aspettando con questo mandolino
L'ora che, dal cielo, entra la luna.
Mi sono nascosto dentro ad un giardino
Per non farlo sapere
Che sono sempre io che chiedo scusa a te.

Ti voglio tanto bene.
Ti voglio tanto bene.
Te lo dico pian piano,
Pian piano,
Perché se grido, la gente
Che non sa niente
Può sentire:
"Ti voglio bene".

Ho vergogna di far sapere agli amici
Che prontamente torno e faccio pace.
Se lo appura la gente, Napoli che dice?
Che voglio farmi fare
A questi occhi certi di bassezza?!

Ti voglio tanto bene.
Ti voglio tanto bene.
Te lo dico pian piano,
Pian piano,
Perché se grido, la gente
Che non sa niente
Può sentire:
"Ti voglio bene".

Una volta ero il più guappo dell'Arenella*,
Avevo molte innamorate
E adesso mi fai chiamare Pulcinella.
Ma tu ci pensi o no,
Che ero un guappo, guappo vero? Ed ora…

Ti voglio tanto bene.
Ti voglio tanto bene.
Te lo dico pian piano,
Pian piano,
Perché se grido, la gente
Che non sa niente
Può sentire:
"Ti voglio bene".


* Arenella è un quartiere di Napoli.